FireEye Products sposa McAfee Enterprise

STG mette insieme FireEye Products e McAfee Enterprise, creando una realtà da due miliardi di dollari di giro d'affari. Basterà per crescere?

Sicurezza
Quando FireEye ha deciso di concentrarsi esclusivamente sulla parte servizi di Mandiant, cedendo la parte prodotti, mancava ancora una tessera del mosaico: che fine avrebbe fatto appunto FireEye Products. Ora lo scenario è chiaro, perché Symphony Technology Group, la private equity company che aveva preso questa parte di FireEye, ha comunicato la sua prossima fusione con McAfee Enterprise. L'ipotesi di una combinazione con RSA non si è quindi concretizzate e STG è andata più verso la creazione di una società completamente focalizzata sui prodotti di cyber security.

L'operazione annunciata scioglie anche i dubbi su cosa sarebbe stato della costola enterprise di McAfee, la cui acquisizione da parte di STG era stata annunciata mesi fa. La combinazione tra McAfee Enterprise e FireEye Products ha senso perché le due aziende sono molto simili, ma proprio questa similitudine lascia prevedere che STG dovrà eliminare molte possibili sovrapposizioni tra le rispettive offerte prodotti. Il compito è affidato soprattutto a Bryan Palma: l'ex Executive Vice President di FireEye Products, che di fatto ha guidato la vendita della divisione a STG, sarà infatti il CEO della nuova società.

La combinazione tra FireEye Products e McAfee Enterprise si chiamerà con tutta probabilità FireEye. La vecchia FireEye ha infatti venduto a STG anche il marchio insieme ai prodotti (terrà la denominazione di Mandiant) mentre il marchio McAfee in sé è rimasto alla parte consumer della società McAfee, che non rientrava nell'acquisizione da parte di STG. La nuova società viene indicata da STG come una realtà da quasi due miliardi di dollari di fatturato. Un "pure play, cyber security market leader" con oltre 40 mila clienti e 5 mila dipendenti.
incidentresponsefireeyeSTG ha investito complessivamente circa 5,2 miliardi di dollari per prendere le due società che ora fonde insieme. Di norma, in queste operazioni, una private equity snellisce ed ottimizza le imprese che compra e fonde, per poi monetizzare a breve-medio termine con una cessione o la quotazione in Borsa. Symphony Technology Group però ha dimostrato anche di recente, nella gestione di RSA, di saper aspettare e di aver maturato una certa esperienza in campo cyber security.

La nuova FireEye (se così si chiamerà) potrebbe quindi avere un futuro più roseo di altre aziende frutto di operazioni essenzialmente finanziarie. In questo caso - anche se il mercato sembra premiare in questa fase più le aziende dotate prevalentemente di servizi - potrebbe presentarsi in posizione interessante nei confronti delle grandi aziende interessate a gestire direttamente le loro infrastrutture e quindi anche i necessari prodotti di cyber security. Un rilancio non è quindi da escludere. O quantomeno, come in casi paragonabili, almeno un futuro prossimo di stabilità.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori