PMI ed ecommerce: i gap da colmare

L'ecommerce piace anche alle PMI italiane, bloccate però da questioni tecnologiche e dalla necessità di maggiori informazioni

Mercato e Lavoro
Il rapporto tra le PMI italiane e le opportunità della vendita online è stato a lungo problematico. Lo scenario è migliorato nel corso dei lockdown, quando anche le PMI si sono rese conto che l'ecommerce è una fonte di introiti capace di bilanciare, almeno in parte, eventuali cali delle vendite fisiche. Aprendo inoltre nuovi potenziali mercati che vanno oltre quelli più tradizionali e di prossimità. Nel post-pandemia, assicurano gli analisti, la propensione dei consumatori ad acquistare online resterà molto elevata. Le PMI sono oggi in grado di seguire questo trend?

Secondo una indagine condotta da UPS, qualche gap importante da colmare c'è ancora. Tra le piccole-medie realtà italiane coinvolte, poco meno della metà si occupa di e-commerce e, di queste, due terzi esporta. Per chi vende online, l’export conta in media solo per il 20% delle vendite, il che indica che c’è un’opportunità per aumentare l’e-commerce e le esportazioni.

Oggi le aziende sono consapevoli dell’importanza del canale online. Per l’84% delle PMI che hanno partecipato alla ricerca di UPS, iniziare a vendere online aumenterebbe le loro vendite, il 59% sarebbe motivato per attrare nuovi clienti e per il 47% l’ecommerce agevola l’espansione in nuovi mercati.
ups ecommerce 1Ma se da una parte le PMI sono motivate ad aprire il proprio ecommerce, dall’altra devono affrontare diverse barriere per vendere i propri prodotti oltreconfine. Le principali sfide dell’ecommerce indicate dalle aziende sono legate ai costi doganali, alla complessità di raccogliere le tasse dai clienti e/o presentare l'IVA alle aziende, e quelle relative alla protezione dei diritti della proprietà intellettuale. Inoltre, per il 38% delle PMI le merci contraffatte del marchio “Made in Italy” rappresentano una minaccia per le esportazioni ecommerce.

Le altre barriere per le PMI interessate a espandersi alle vendite online spaziano dall’accesso affidabile a Internet, all’impostazione dei pagamenti elettronici alla logistica - tra imballaggio, stoccaggio dell'inventario e spedizioni - fino alla gestione delle vendite online con un accenno anche all’accesso ai finanziamenti. Tre poi le aree in cui le PMI chiedono supporto al Governo per espandersi nelle vendite online: tasse e dazi, accesso alle informazioni di mercato di altri paesi, informazioni sui benefici degli accordi commerciali.

Cosa potrebbero, o dovrebbero, fare le istituzioni? Secondo chi ha partecipato all'analisi UPS, ci sono diverse direttrici di intervento possibili. In primo luogo il tema infrastrutturale: migliorare le condizioni e possibilità di accesso a connessioni Internet stabili e performanti per le PMI nell’ecommerce, supportando queste ultime attraverso l’attuazione della strategia nazionale per la banda larga.
ups ecommerce 2C'è poi il tema della formazione specifica per sostenere l’ecommerce delle PMI, favorendo sia l'acquisizione di competenze, sia l'accesso a informazioni di mercato. Sviluppando magari una rete di centri locali per lo sviluppo delle PMI online, in collaborazione con le organizzazioni di imprese e gli enti locali.

Un tema ancora più specifico da affrontare è l'ecommerce verso l'estero. Anche qui serve formazione mirata e in particolare bisogna diffondere la conoscenza sui programmi esistenti di promozione dell’export via ecommerce. A partire da quello che già fanno, direttamente sul territorio come anche online, l’Istituto del Commercio Estero e le agenzie di promozione nazionali.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori