Oracle potenzia il suo lato IaaS, guardando all'HPC

Oracle lancia alcune novità infrastrutturali, grazie alle collaborazioni con Intel, Nvdia, Ampere e AMD

Cloud
Chiedete a qualsiasi CIO o IT manager di indicare i principali player del cloud infrastrutturale - IaaS - e saranno in pochi a fare il nome di Oracle. L'offerta cloud dell'azienda di Larry Ellison viene considerata come strettamente legata ad altri suoi punti di forza, in primis i database. O per soluzioni mirate per grandi aziende con esigenze specifiche. Ma come fornitore di "mattoncini" per creare la propria IT on-demand? L'associazione è meno ovvia.

Eppure Oracle è da un po' che sta potenziando il suo lato IaaS. Magari non con le raffiche di annunci che possono fare altri hyperscaler infrastrutturali. Ma certamente sfruttando le collaborazioni tecnologiche che ha in essere con molti nomi noti. Di recente, alcuni annunci hanno confermato questa linea di sviluppo.

Anzi, Oracle ha in un qualche modo alzato il livello della sua proposizione al mercato, puntando nettamente sul segmento (esigente) del computing ad alte prestazioni. "La promessa di [avere] HPC e prestazioni nel cloud pubblico ha ancora troppi compromessi, caveat e lacune", ha spiegato Karan Batta, Vice President Product Management di Oracle Cloud Infrastructure. Lacune che le novità Oracle dovrebbero, nelle intenzioni, colmare.
mainframeLa prima novità deriva dalla collaborazione con Intel e riguarda la disponibilità su Oracle Cloud di istanze di computing basate su processori Intel della generazione Ice Lake. Disponibilità che dovrebbe concretizzarsi a inizio 2021. Questo dovrebbe portare un miglioramento prestazionale del 30% rispetto alle istanze HPC attuali, secondo Oracle. In piena logica supercomputing, le nuove istanze si potranno collegare fra loro in cluster via RDMA (Remote Direct Memory Access).

Oracle continua comunque a collaborare anche con AMD. Qui punta però soprattutto sulla flessibilità. Tempo fa aveva reso disponibili istanze basate su CPU AMD "Rome" di cui l'utente poteva specificare liberamente numero di core e memoria RAM. Senza essere limitato a configurazioni base predeterminate. Sempre a inizio 2021 questo approccio sarà confermato anche con le future istanze E4, che sfrutteranno i processori AMD di prossima generazione.

Supercomputing vuol dire anche GPU e in questo campo Oracle mantiene una vecchia promessa. Portare su Oracle Cloud Infrastructure istanze basate su GPU Nvidia A100, con un deciso - si parla di venti volte - incremento prestazionale rispetto alle precedenti Nvidia Volta. Con una proposizione piuttosto aggressiva sia nel prezzo (circa 3 dollari per GPU/ora) sia nelle configurazioni, con cluster sino a 512 GPU.

Oracle segue anche la strada, a quanto pare sempre più appetibile, dei processori ARM. Dalla collaborazione con Ampere arriva l'annuncio della disponibilità - anche qui a inizio 2021 - di istanze basate su processori ARM sino a 160 core. Il sistema operativo collegato è Linux, con supportate varie distribuzioni tra cui Oracle Linux e Ubuntu.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori