Open Data Campaign: Microsoft vuole colmare il Data Divide

La Open Data Campaign vuole diffondere il concetto degli Open Data in vari ambiti applicativi, perché le informazioni danno valore solo se circolano

Trasformazione Digitale
Microsoft la chiama Open Data Campaign. Una iniziativa per colmare il "data divide" che le aziende sperimentano quando vogliono tradurre i dati in informazioni. Ma non solo le aziende. Anche le organizzazioni che affrontano problemi importanti per tutto il globo. Come la ricerca scientifica, l'analisi dei cambiamenti climatici, le pandemie come quelle di Sars-CoV-2. Il tema è in buona parte noto. Ed è stato sottolineato anche in altre iniziative, come ad esempio una mirata della Unione Europea. Accumulare dati serve a poco se poi questi non sono "aperti" verso tutte le organizzazioni che potrebbero farne uso. Un'apertura che deve essere ovviamente controllata e sicura. Ma che è necessaria per far crescere tutti i mercati.

Per dare un'idea di come i dati non siano distribuiti equamente, Microsoft sottolinea che meno di un centinaio di aziende raccoglie oltre la metà dei dati che derivano dalle interazioni in rete. Oltre ai dati, anche le competenze sono mal distribuite. Metà delle persone che hanno competenze di intelligenza artificiale, necessarie per l'analisi evoluta dei dati, lavorano in aziende del comparto tecnologico. Uniamo le due cose, ed ecco che poche, pochissime aziende possono davvero sfruttare i dati che hanno a disposizione. E di conseguenza poche nazioni. In realtà solo due: Stati Uniti e Cina. Che secondo PwC cattureranno il 70% del valore economico generato dall'AI. Tutto questo non è inevitabile, spiega Microsoft, ed ecco perché nasce la Open Data Campaign.

La Open Data Campaign è essenzialmente una campagna di stimolo su alcuni fronti: culturale, tecnologico, di mercato. Nel primo ambito Microsoft vuole fare da apripista presentando un modello concettuale di come dovrebbe essere una condivisione efficace dei dati. Modello che si basa su alcuni principi che Microsoft stessa, per essere credibile, intende adottare. Questa scelta dovrebbe, nelle intenzioni, favorire un dibattito sul tema Open Data. E portare altre aziende ad imitare l'approccio di Microsoft.

open data campaignPer gli scopi della Open Data Campaign, i dati dovrebbero essere aperti, usabili, abilitanti, sicuri, privati. Aperti, nel senso che i dati collegati ai problemi globali (e non solo) più importanti dovrebbero essere il più possibile accessibili. Usabili, perché nella realtà dei fatti spesso le informazioni sono sì disponibili, ma nella pratica inutilizzabili per chi non abbia strumenti e competenze adeguati. Abilitanti, nel senso che ciascuna realtà deve poter generare valore dai dati secondo le sue necessità e in maniera indipendente. Sicuri, perché la collaborazione sui dati deve garantire che questi siano comunque protetti. Privati, nel rispetto della privacy delle persone a cui i dati possono fare riferimento.

Open Data Campaign: strumenti e collaborazioni

Lato tecnologia, la Open Data Campaign sottolinea il tema della mancanza di strumenti appropriati per tutte le imprese ed organizzazioni. Anche ammesso che i dati diventino più liberamente disponibili, vanno poi condivisi ed usati. Molte imprese ed istituzioni però non hanno strumenti abbastanza immediati per farlo. I dati sono spesso non strutturati e nemmeno digitalizzati. Figuriamoci se possono essere subito omogenei ed aggregabili tra le realtà, magari molto diverse, che vorrebbero utilizzarli. Servono tool e piattaforme software adeguati, il cui sviluppo l'iniziativa di Redmond vuole favorire.

Sviluppo che riguarda non solo il software. In prima fila ci sono anche gli accordi di licenza per l'utilizzo libero degli Open Data che già esistono. E che Microsoft spera aumentino. Sul sito della Open Data Campaign ci sono già alcune forme di accordo e di licenza e tool legali che intendono favorire la condivisione delle informazioni. Qui Microsoft intende ispirarsi esplicitamente ai modelli che derivano dal mondo open source.

La tecnologia però non basta a dare l'esempio, anche per Microsoft. Servono collaborazioni mirate che spingano la Open Data Campaign e il concetto di Open Data in vari settori. A Redmond contano di realizzarne una ventina entro il 2022, partendo inizialmente con alcuni temi specifici. In prima fila prevedibilmente Covid-19, con la condivisione dei dati che Microsoft sta sviluppando insieme ad Adaptive Biotechnologies sulla risposta del sistema immunitario al coronavirus. Attraverso GitHub, poi, andranno avanti altri progetti mirati, ad esempio in campo sviluppo software.

opendata biotechUna seconda collaborazione in campo sanitario riguarda la condivisione di dati sulle malattie cardiovascolari. I dataset di alcune realtà partner di tutto il mondo, tra cui Novartis Foundation, saranno consolidati e resi "open". Per agevolare lo sviluppo di strumenti di intelligenza artificiale legati al trattamento delle malattie cardiovascolari. E alla valutazione dei loro indici di rischio, per la medicina preventiva.

Altre collaborazioni iniziali della Open Data Campaign riguardano in vario modo l'ambito Smart City e agiscono più localmente. Con dataset "open" specifici. Riguardano un'analisi della connettività a banda larga negli Stati Uniti, i servizi pubblici a Londra, la raccolta di best practice e risorse sulla gestione degli Open Data da parte della Pubblica Amministrazione.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori