Come portare alla luce i Dark Data?

Molti dati vengono raccolti dalle imprese ma mai utilizzati: serve una base analitica ai dati prima di procedere alla loro conservazione

Trasformazione Digitale
Avete presente quelle foto scattate durante le vacanze conservate nella fotocamera? Un giorno potrebbe capitare di volerle rivedere o mandare a qualcuno. Ma nella maggior parte dei casi, quelle foto occupano solamente spazio. Se questo si ripete abbastanza spesso, arriverà il giorno in cui non si avrà idea di cosa contiene la fotocamera a causa dell'enorme quantità di file memorizzati.

Lo stesso accade su scala più ampia anche alle aziende. Ogni giorno vengono salvati o raccolti dati, e occorre tempo affinché qualcuno si renda conto che sui server sono mantenute enormi quantità di informazioni inutili. Sono quelli che chiamiamo Dark Data: Gartner li definisce come quegli asset informativi che le aziende raccolgono, elaborano e conservano nel corso delle normali attività di business, ma che generalmente non vengono utilizzati per altri scopi quali l'analisi, le relazioni di business e la monetizzazione diretta.

Conservare e proteggere dati inutilizzati comporta spesso oneri, e a volte anche rischi, di entità maggiore rispetto al loro stesso valore. Eppure, l'esistenza di questi dark data non può essere ignorata: secondo l'Heinz College della Carnegie Mellon University, circa il 90% delle informazioni in possesso di un'azienda rientra in questa categoria dal momento che si tratta in genere di dati conservati puramente a scopo di compliance. Per Deloitte la quota generalmente accettata è da tempo pari all'80% - tanto che si parla di una "regola dell'80%" - anche se stime recenti avvicinano questo valore al 90%.

mauro bonfanti   pure storageMauro Bonfanti, Regional VP EMEA di Pure StorageL'utilizzo di questo tipo di dati non dovrebbe essere limitato solamente a necessità normative e di compliance, in quanto tali informazioni potrebbero rivestire una certa utilità per i decision maker.

In questo senso, l'analisi dei dati è fondamentale. Sapere quale tipo di dato possa essere utile e debba quindi essere conservato rappresenta un differenziale che può avere un impatto diretto sui costi dell'azienda. Trasformare questo dato in informazione di elevato valore è poi un altro punto che occorre tenere in considerazione.

Secondo una ricerca globale sulla qualità dei dati condotta nel 2019 da Serasa Experian, il 95% delle aziende è convinto che una scarsa qualità dei dati influisca negativamente sull'interazione con il cliente, sulla reputazione e sull'efficienza operativa. Diviene così sempre più evidente che il modo migliore per affrontare la situazione sia quello di applicare una base analitica ai dati ancora prima di procedere alla loro conservazione. Prima queste informazioni vengono strutturate, prima è possibile sapere cosa dovrebbe rimanere a disposizione e cosa invece dovrebbe essere archiviato.

È sempre possibile effettuare l'analisi in un secondo momento. A fronte di miliardi di file che molte aziende conservano, non è certo possibile procedere a un'analisi manuale, ma esistono diversi tool che sfruttano tecnologie avanzate come quella all-flash, l’intelligenza artificiale e il machine learning per categorizzare quanto merita di essere utilizzato ed eliminare invece ciò che è completamente inutile per l'azienda. Questo tipo di gestione delle informazioni diventa essenziale per il futuro delle aziende dal momento che consente un accesso intelligente al suo asset più prezioso e ne mantiene la continuità offrendo importanti strumenti decisionali al passo con l’evoluzione dei dati stessi.

Mauro Bonfanti è Regional VP EMEA di Pure Storage
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

webinar

Sicurezza, privacy, edge e cloud: come gestirli al meglio per ripartire con successo. #DataSecurity, la diretta streaming

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori