Analog Devices punta sul 5G

Avviato lo sviluppo di soluzioni per le stazioni radiobase delle reti mobili 5G di nuova generazione

Future Tech
Analog Devices ha deciso di mettere in campo le sue tecnologie per sviluppare componenti radio mirati per le esigenze delle nuove reti 5G. Lo sviluppo si basa su una collaborazione tecnologica con Marvell. Quest'ultima ha già sviluppato diverse tecnologie in campo 5G. E altre ne sta delineando grazie ad alcune partnership mirate. Queste competenze però non riguardano strettamente la parte in radiofrequenza, che è invece campo di Analog Devices.

L'obiettivo della collaborazione è produrre componenti da cedere poi ai produttori OEM di unità radio per il 5G. Più in dettaglio, produrre ASIC specifici che possano gestire le varie necessità del 5G per la parte di ricezione e trasmissione dei segnali.

Il problema da affrontare è che la parte radio del 5G è più complessa di quella del 4G/LTE. Le base station dovranno gestire un numero elevato di clienti. E operare a frequenze anche molto elevate. Che rendono più articolata la progettazione della parte RAN, la Radio Access Network. Il tutto, possibilmente, mantenendo basso il consumo energetico. Sviluppare ASIC che tengano conto sin da subito di questi nuovi requisiti è certamente un vantaggio.

Secondo Vincent Roche, presidente e CEO di Analog Devices, la produzione di componenti davvero ad hoc per il 5G è un vantaggio per chi produce dispositivi. Essendo già l'elettronica di base ottimizzata in partenza per i nuovi scenari radio del 5G, anche i prodotti finali degli OEM saranno più apprezzati dagli operatori di rete. E agevoleranno lo sviluppo del 5G nel suo complesso.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori