Logo ImpresaCity.it

TIM: la partnership con Vodafone per il 5G non è blindata

TIM e Vodafone possono cedere parte delle loro quote nella futura nuova Inwit, anche a fondi di investimento

Redazione Impresacity

La partnership che TIM ha definito con Vodafone per mettere a fattor comune le infrastrutture wireless si fa più articolata. Almeno secondo le anticipazioni del CEO Luigi Gubitosi espresse alla European Technology Media and Telecoms Conference di Morgan Stanley. Di fatto, la partnership si aprirebbe nel prossimo futuro anche ad investitori finanziari. Non però ad altri attori del mondo delle telecomunicazioni.

L'ampliamento ruota ovviamente intorno al controllo di Inwit. Nel piano previsto da TIM e Vodafone, attualmente al vaglio dell'antitrust europea, le due società conferirebbero a Inwit il controllo delle loro 22 mila torri di telecomunicazione. Inwit ora è controllata al 60% da TIM, dopo l'operazione sarebbe TIM e Vodafone ne manterrebbero il 37% circa ciascuna.

Come fa notare Reuters, questa quota non è necessariamente fissa. Per garantire la stabilità dell'accordo TIM e Vodafone semplicemente non possono scendere sotto il 25%. "Balla" un 12% che - questa è la novità - secondo Gubitosi TIM farebbe bene a vendere. L'idea è che questa quota sia acquisita da fondi di investimento alla ricerca di ritorni più significativi di quelli garantiti dai mercati tradizionali. Le infrastrutture di comunicazione wireless sono appetibili da questo punto di vista, spiega Reuters, perché garantiscono un cash flow costante.

network
La partnership tra TIM e Vodafone dovrebbe superare i controlli dell'antitrust UE e concretizzarsi entro metà 2020. L'idea di un suo ampliamento ad altri investitori è economicamente sensata, per TIM e Vodafone. Anche perché tutti gli operatori mobili attualmente sono di fronte ad investimenti importanti per il 5G. Investimenti certi che hanno ritorni per ora tutti da dimostrare.

Resta semmai da vedere come questo ampliamento della partnership potrebbe essere giudicato dalla politica. Quelle di telecomunicazioni sono infrastrutture comunque critiche. E in particolare il 5G sta diventando un terreno di confronto tra chi vede di buon occhio, o meno, l'entrata in campo di entità che potrebbero andare contro un ipotetico interesse nazionale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 15/11/2019

Tag: 5g tim vodafone

Speciali

Speciali

La nuova IT per la Digital Transformation

Speciale

Stampa gestita: il Printing è sempre più servizio