Logo ImpresaCity.it

Ericsson: nuova sede a Milano per consolidare la presenza in Italia

La nuova sede sarà un punto di riferimento per la collaborazione tra Ericsson e le realtà innovative del territorio

Si trova al Lorenteggio Business Village la nuova sede che Ericsson ha voluto a Milano. I nuovi uffici ospitano 340 professionisti e rappresentano, spiega la società, un consolidamento della "presenza dell’azienda nel capoluogo lombardo e più in generale in Italia, dove Ericsson investe da 101 anni".

Più in dettaglio, la nuova sede di Milano viene considerata "un punto di riferimento per i progetti di collaborazione tra Ericsson e l’ecosistema imprenditoriale e universitario lombardo", ha spiegato Emanuele Iannetti, Amministratore delegato di Ericsson in Italia. Uno dei temi portanti in questo senso è lo sviluppo delle tecnologie e delle soluzioni per il 5G. Un'attività che coinvolge anche i tre centri di ricerca e sviluppo Ericsson a Genova, Pisa e Pagani.

La società svedese sottolinea che dall’anno 2000 i suoi circa 750 ricercatori italiani hanno "prodotto" oltre 600 brevetti tecnologici. Nel complesso, le attività di ricerca e sviluppo di Ericsson a livello mondiale le permettono oggi di possedere oltre 49 mila brevetti di rilievo nel campo delle telecomunicazioni.

Tra le peculiarità della nuova sede Ericsson di Milano c'è il supporto deciso allo smart working. Un apposito piano definito dall'azienda svedese prevede che i dipendenti possano lavorare da casa fino a sei giorni al mese. A livello nazionale l’iniziativa ha visto l'adesione di circa 1.800 persone, oltre la metà dei circa tremila dipendenti italiani.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 15/10/2019

Speciali

Speciali

Check Point Experience 2019

Webinar

Non aprite quella mail… come e perché continuiamo, tutti, a cadere nella stessa trappola