Logo ImpresaCity.it

Il MiSE: non bandiremo Huawei e ZTE dal 5G italiano

Le indiscrezioni de La Stampa sono state smentite: per ora non si valutano pericoli alla sicurezza nazionale

Non ci ha messo molto il Governo italiano a smentire le "fonti qualificate della Difesa e della Farnesina" che avevano indicato al quotidiano La Stampa un imminente bando dei prodotti Huawei e ZTE. L'ipotesi del quotidiano torinese era che l'Italia si stesse allineando con le nazioni occidentali che considerano l'adozione dei prodotti di rete cinesi un pericolo per la sicurezza nazionale.

È da diverso tempo che gli Stati Uniti consigliano alle nazioni alleate di non usare prodotti Huawei nella costruzione delle nuove infrastrutture mobili 5G. La posizione di Washington è che le aziende cinesi possono essere un tramite, più o meno consenziente, per azioni di spionaggio orchestrate da Pechino. Nel mirino ci sono soprattutto Huawei, con conseguenze anche diplomatiche internazionali, e ZTE, che ha già subito un bando temporaneo negli USA.

Il MiSE ha comunque smentito le indiscrezioni: "Con riferimento agli articoli di stampa su una presunta messa al bando delle aziende Huawei e ZTE dall’Italia in vista dell’adozione della tecnologia 5G, il Ministero dello Sviluppo Economico smentisce l’intenzione di adottare qualsiasi iniziativa in tal senso", spiega una nota ufficiale.

Il MiSE ha chiarito anche che, dal suo punto di vista, il pericolo di azioni ostili è per il momento una semplice ipotesi non provata: "La sicurezza nazionale è una priorità e nel caso in cui si dovessero riscontrare criticità - al momento non emerse - il MiSE valuterà l’opportunità di adottare le iniziative di competenza".

I richiami degli Stati Uniti per ora sono stati accolti con una certa freddezza da parte delle nazioni europee, molte delle quali (Italia compresa) hanno rapporti stretti con Huawei e ZTE nella realizzazione delle reti 5G. In queste stesse ore, ad esempio, Reuters segnala che anche la Germania starebbe per assumere una posizione simile a quella espressa dal MiSE in Italia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 07/02/2019

Speciali

speciali

I tanti volti del backup in cloud

speciali

Backup & Storage 2019