Logo ImpresaCity.it

Gartner: intelligenza artificiale in forte crescita nelle imprese

Il tasso di utilizzo dell'AI è triplicato in un anno, spiegano gli analisti. Ma le difficoltà restano.

Redazione Impresacity

Gli analisti di Gartner segnalano una forte crescita nel numero dei progetti aziendali legati alle tecnologie di intelligenza artificiale. Quello che colpisce nelle cifre più recenti della società di analisi non è tanto la percentuale delle imprese che hanno avviato implementazioni di AI (la stima è del 37 percento nel 2019) ma l'incremento che questa cifra ha registrato in poco tempo. Secondo Gartner, infatti, solo un anno fa la quota delle imprese già utilizzatrici di intelligenza artificiale era un terzo circa di quella prevista per quest'anno.

In realtà le cifre non sono molto chiare. Il 37 percento indicato ora da Garter deriva da una indagine condotta su circa tremila CIO di 89 nazioni. Ma lo scorso luglio, nel delineare il suo Hype Cycle per le tecnologie di intelligenza artificiale, Gartner spiegava che solo il 4 percento dei CIO aveva implementato in produzione piattaforme basate sull'AI.

Qualsiasi cifra legata ai progetti di intelligenza artificiale peraltro dipende da due elementi che possono variare molto: cosa consideriamo AI e cosa no, quanto i progetti considerati sono pilota o in produzione. Lo Hype Cycle "catalogava" i progetti in produzione, mentre la stima per il 2019 sembra considerare sia le imprese che hanno già implementato l'AI sia quelle che intendono farlo a breve. Da qui, probabilmente, il diverso ordine di grandezza delle stime di Gartner.

cogs
Quello che non è cambiato nei vari scenari descritti dagli analisti in merito alla intelligenza artificiale è che metterla in atto non è mai banale, per due motivi fondamentali. Da un lato può assumere tanti aspetti diversi, dai chatbot alle funzioni di RPA, dall'altro richiede esperienza e competenze che non sono facili da reperire sul mercato o da sviluppare internamente.

Secondo Gartner, i CIO sanno che siamo ancora lontani dalla AI "forte" che sa svolgere da sola molti compiti, ma hanno anche capito che le forme di automazione consentite dalla intelligenza artificiale "debole" sono sufficienti e molto utili nei processi di trasformazione digitale. Identificazione delle frodi, supporto ai clienti e chatbot sono le applicazioni operative al momento più gettonate, secondo il campione di Gartner.

Resta sullo sfondo il problema delle competenze, che Gartner consiglia di affrontare con una buona dosa di creatività. Se non si riescono ad attrarre competenze dall'esterno, meglio puntare su programmi di formazione per dipendenti che abbiano già skill collaterali alla intelligenza artificiale, come la statistica o il data management. E visto che siamo nell'era del codesign, le competenze di AI possono essere condivise con il proprio ecosistema di partner e fornitori. In nome del bene comune.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 22/01/2019

Speciali

Speciale

Stampa gestita: il Printing è sempre più servizio

Speciali

Check Point Experience 2019