Logo ImpresaCity.it

A novembre Microsoft cambia Office 365: ecco come

In arrivo diverse novità per Word e PowerPoint, pensate soprattutto per chi ha un notebook 2-in-1 o un altro device touch

Redazione Impresacity

Il processo di aggiornamento continuo che Microsoft ha definito per gli utenti di Office in modalità abbonamento - Microsoft 365 oppure Office 365 - è giunto a una nuova tornata di funzioni aggiuntive, che gli utilizzatori della suite di produttività si troveranno davanti nel corso di questo mese di novembre. Le novità toccano soprattutto Word e PowerPoint e riguardano in particolare chi usa un notebook 2-in-1 o comunque un dispositivo che supporti la scrittura virtuale di Ink.

Chi può usare una penna digitale per intervenire sui documenti Office avrà a disposizione nuove possibilità di interazione. Word interpreterà automaticamente alcuni "segni" di uso comune - come un tratto continuo sul testo per cancellarlo o una "s" stilizzata per spezzare una riga - ed eseguirà le azioni associate. In questo modo, secondo Microsoft, modificare i documenti digitali diventa più intuitivo e veloce.

Anche PowerPoint saprà interpretare parole e forme tracciate con una penna digitale. Basterà un comando per indicare all'applicazione di "comprendere" i tratti della penna e convertirli in testo e diagrammi.

Alcune nuove funzioni di Microsoft Office non sono limitate ai dispositivi che supportano Ink. Nei documenti Word e PowerPoint sarà ad esempio possibile integrare animazioni con oggetti tridimensionali, mentre PowerPoint acquista alcune funzioni di intelligenza artificiale che analizzano i contenuti di una diapositiva e suggeriscono impostazioni grafiche accattivanti.

new to microsoft 365 october 4
Una nuova funzione esclusiva di Word è Transform to Web che, come si intuisce dalla denominazione, converte un documento Word in una pagina web interattiva. Microsoft sottolinea che la conversione richiede "solo tre clic" e prevede vari stili, in modo da creare pagine adatte alla visualizzazione mediante qualsiasi dispositivo. La funzione è pensata per documenti come i manuali o le newsletter e prevede anche una parte di analisi del traffico raccolto dalle pagine web generate.

Gli aggiornamenti di Microsoft 365 comprendono anche alcuni strumenti pensati per le aziende che stanno ancora gestendo il loro passaggio a Windows 10. Tra questi strumenti troviamo ad esempio un tool per la migrazione dei contenuti gestiti da SharePoint, OneDrive e File Share alle rispettive versioni cloud.

Da febbraio 2019, poi, le aziende potranno usufruire del servizio Desktop App Assure per farsi assistere nella gestione di eventuali incompatibilità con Windows 10 delle loro applicazioni. Il servizio è già disopnibile negli USA e lo sarà da febbraio a livello globale.
Pubblicato il: 05/11/2018

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce