Logo ImpresaCity.it

Cloud, AI e blockchain di IBM per l'evoluzione dell'infrastruttura digitale di CNH Industrial

Accordo pluriennale tra IBM e il colosso dei veicoli industriali che opera con marchi quali Iveco, Steyr, Astra, Magirus e New Holland

Ottenere massimi livelli di efficienza e aumentare la competitività in tutti i processi strategici di business: sono gli obiettivi di CNH Industrial, che ha siglato un accordo pluriennale con IBM. La partnership consentirà a CNH, che opera a livello mondiale con una gamma di prodotti nell'ambito dei veicoli industriali con marchi quali tra gli altri Iveco, Steyr, Astra, Magirus e New Holland, di sfruttare la tecnologia Blockchain per rivedere e ottimizzare le sue attività globali, oltre ad aumentare le prestazioni e la flessibilità dell'infrastruttura ICT e la capacità dell’azienda di adattarsi alle nuove esigenze e alle dinamiche del mercato.  

Le aree che verranno direttamente valorizzate includono Supply Chain e gestione dell'inventario delle attività di Parts & Service, che potranno fornire un servizio più ampio ai clienti. Adottando funzionalità di analisi avanzata associate a Intelligenza Artificiale e Machine Learning, CNH migliorerà notevolmente la sua capacità di accrescere e innovare i processi di Produzione, Qualità, Vendite, Servizio Clienti e Finanza, e tra questi una migliore manutenzione predittiva nella produzione e ispezioni in loco sui prodotti per garantirne la qualità. 

L’accordo segna anche una svolta verso l'adozione di un cloud esteso, che integra la piattaforma cloud privata di IBM, e che continuerà a operare con i data center IBM e l'infrastruttura IT locale di CNH: la disponibilità immediata della piattaforma IT e il relativo supporto consentiranno a CNH una maggiore flessibilità, efficienza dei costi, resilienza e coerenza nell'operare per fornire sempre migliori servizi.
Pubblicato il: 30/07/2018

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud