Logo ImpresaCity.it

Agcom: pronte le regole per le frequenze del 5G

L'Authority ha definito le procedure per l'assegnazione delle frequenze per il 5G, dalla cui asta si aspetta ricavi per almeno 2,5 miliardi di euro

Redazione Impresacity

La prima Authority europea a definire ufficialmente i primi passi operativi verso il 5G è quella italiana. L'Agcom ha infatti fissato le basi su cui sarà realizzata la gara per l'assegnazione delle frequenze 5G, gara che dovrà concludersi a settembre 2018 e si prevede porterà nelle casse dello Stato almeno due miliardi e mezzo di euro, la metà dei quali già quest'anno.

Asta a parte, un elemento interessante è che l'Agcom ha anche provveduto a indicare alcuni profili di utilizzo delle bande regolamentate, cercando in modo evidente di tutelare la concorrenza fra gli operatori e di favorire la nascita di una pluralità di servizi anche nelle zone d'Italia meno appetibili dal punto di vista economico.

L'Authority ha al momento definito tre fasce di frequenza da assegnare per il 5G. Quella più "tradizionale" è la banda 694-790 MHz, in cui "fornire servizi di tipo radiomobile classico". L'Agcom considera però importante che i futuri operatori 5G non realizzino le loro reti solo in base alla distribuzione della popolazione italiana ma badando anche alla copertura di alcune aree specifiche: le zone turistiche, le principali direttrici di trasporto e i loro nodi (stazioni, porti, aeroporti).
5g grafica
Agcom sembra voler evitare che questa banda diventi patrimonio dei soliti noti e ha predisposto un meccanismo di gara favorevole ad un nuovo entrante, prevedendo di assegnargli due blocchi su sei di frequenze. In questo modo l'ipotetico nuovo entrante avrebbe subito una buona disponibilità di spettro nella parte considerata più pregiata delle bande radiomobili classiche.

Le altre due bande considerate sono quella dei 26,5-27,5 GHz, su cui però l'Authority non si è soffermata molto dal punto di vista dei possibili utilizzi, e quella dei 3,6-3,8 GHz. Qui Agcom vede la maggiore possibilità di sviluppo di servizi innovativi, ad esempio in campo automotive, grazie all'utilizzo di tecnologie come il Massive MIMO e il beamforming che favoriscono la copertura e l'inseguimento degli utenti.

Per chi opera in questa banda l'Agcom prevede alcuni obblighi particolari quando si tratta della copertura dei Comuni sotto i cinquemila abitanti. In questi casi la copertura dovrà essere complementare a quella di eventuali progetti broadband già in corso, per agevolare lo sviluppo di servizi anche nelle aree rurali o poco abitate.
Pubblicato il: 25/05/2018

Tag: 5g

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud