Logo ImpresaCity.it

Anche la sicurezza di F5 Networks evolve per il multicloud

Con BIG-IP Cloud Edition debutta un approccio molto granulare alla protezione delle applicazioni, adatto alla complessità del multicloud

f.p.

Viviamo in un mondo fatto di applicazioni: la grande maggioranza dei servizi di cui usufruiamo vengono infatti veicolati attraverso applicazioni. Quello che cambia semmai è il modello di sviluppo, che spazia dalle applicazioni cloud-native a quelle mobili. Lo scenario promette solo di farsi più variegato, secondo F5 Networks, e tutto questo richiede forme di protezione nuove, partendo da una concezione della sicurezza che metta anch'essa le applicazioni al centro.

È l'approccio che F5 Networks sta seguendo già da tempo e che ora si amplia perché deve recepire un elemento di ulteriore complessità: la marcata adozione da parte delle imprese del modello multicloud. I vantaggi del multicloud sono noti, ma questo approccio rende ulteriormente frammentato il complesso dei servizi applicativi da proteggere.

"Le aziende - spiega in questo senso Chad Whalen, VP Cloud Sales di F5 Networks - vanno verso il modello multicloud, che però presenta sfide specifiche per la sicurezza: architetture complesse e frammentate, difficoltà operative derivanti dal fatto che i cloud provider usano tool diversi e hanno infrastrutture differenti, servizi di sicurezza non coerenti fra loro che creano gap in ottica compliance".

big ip cloud
Una risposta a questa maggiore complessità è BIG-IP Cloud Edition, una nuova forma attraverso cui F5 offre in primis le sue tecnologie di Application Delivery e di firewalling applicativo. Non si tratta di una appliance virtualizzata in cloud, come il nome lascerebbe intendere, ma di una piattaforma che permette di gestire le funzioni di protezione in maniera automatizzata e per singola applicazione in cloud.

In estrema sintesi e semplificando, è come se ogni applicazione avesse un modulo BIG-IP virtuale (F5 parla proprio di BIG-IP Per-App Virtual Edition) che le associa le funzioni di Application Delivery Controller e di Advanced Web Application Firewall. In questo modo il sistema di protezione delle applicazioni diventa scalabile e segue la crescita e la flessione della domanda di applicazioni: ogni loro istanza che si attiva ha automaticamente associato un BIG-IP virtuale configurato secondo template specifici.

La piattaforma F5 BIG-IQ fa in tutto questo da punto di gestione unificato e dialoga con altre piattaforme e tecnologie di gestione e di orchestration. Crea di fatto un livello di astrazione che nasconde, almeno in parte, l'eterogeneità del multicloud dal punto di vista del management.
maurizio desiderio f5Maurizio Desiderio, Country Manager di F5 Networks Italia e Malta
Il nuovo approccio di BIG-IP Cloud Edition, che sarà disponibile a fine maggio, non va a sostituire quello che F5 ha sviluppato sinora ma lo affianca, rappresentando una opportunità più o meno interessante in proporzione al "tasso di multicloud" che sta assumendo la singola azienda utente.

"Il nuovo approccio - mette in evidenza Maurizio Desiderio, Country Manager di F5 Networks Italia e Malta - permette anche di avere una unica infrastruttura per gestire tutto un ambiente ibrido con prodotti fisici e in parte cloud. Il valore aggiunto sta proprio nella gestione degli ambienti del genere, eterogenei, dando il massimo grado possibile di automazione, che è indispensabile nelle architetture multicloud".
Pubblicato il: 18/05/2018

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud