Logo ImpresaCity.it

IDC: cresce il mercato italiano degli analytics

Dagli 83 milioni di euro del 2017 si passerà a quasi cento nel 2020, con una crescita superiore alla media europea

Redazione Impresacity

Anche in Italia le soluzioni di analytics "evolute", ossia categorizzabili negli ambiti degli advanced e predictive analytics, stanno prendendo sempre più piede. Le stime IDC indicano infatti che nel 2017 questo mercato ha mosso qualcosa come 83 milioni di euro, somma che nel 2020 gli analisti stimano sfiorerà i 100 milioni di euro.

Si tratta di una crescita del 20 percento circa, in linea con quella che nello stesso periodo dovrebbe registrare tutto il mercato europeo. Anzi, di qualche punto percentuale in più se consideriamo che le stime IDC vedono il mercato europeo delle soluzioni di advanced e predictive analytics crescere del 16 percento circa: da 991 milioni di euro nel 2017 a 1.150 milioni nel 2020.

analisi statistica

Le ragioni di questa crescita sono ormai ben note. Oggi un'azienda ha accesso a molte sorgenti di dati e sa che trasformarli bene in conoscenza permette di prendere decisioni strategiche migliori e quindi avere un vantaggio competitivo. Questo non è possibile con le classiche analisi di tipo descrittivo, che spiegano solo cosa è successo e non perché e cosa probabilmente accadrà in futuro.

Le soluzioni di predictive analytics hanno quindi oggi una notevole importanza e, soprattutto, una sempre maggiore efficacia grazie a elementi di intelligenza artificiale che aiutano a migliorare i processi predittivi. Non a caso IDC prevede che entro il 2020 il 75 percento degli sviluppatori europei integrerà elementi di cognitive computing, machine learning o intelligenza artificiale in almeno un’applicazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 08/03/2018

Speciali

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito

speciali

Red Hat Open Source Day 2018, l’open source ridisegna il mondo