Logo ImpresaCity.it

Barracuda passa nelle mani di Thoma Bravo

L'operazione vale 1,6 miliardi di dollari e riporta Barracuda tra le "private company"

Redazione Impresacity

Vale 1,6 miliardi di dollari l'operazione con cui la private equity Thoma Bravo ha acquisito Barracuda Networks, una cifra che evidentemente non ha fatto fatica a convincere gli azionisti della società (è un premio di oltre il 22 percento rispetto alla quotazione media di questi giorni) e che riporta Barracuda nell'alveo delle aziende private che possono puntare alla crescita senza dover pensare costantemente ai risultati finanziari di breve termine.

Proprio il tema della crescita dovrebbe essere uno dei punti chiave dell'operazione. BJ Jenkins, CEO di Barracuda, sottolinea che l'acquisizione rappresenta "un'opportunità per accelerare la nostra crescita" grazie al fatto che Thoma Bravo ha già maturato una certa esperienza nello sviluppo di aziende collegate alla sicurezza IT.

Il business di Barracuda è senza dubbio interessante, ma secondo alcuni analisti la società ha rallentato la sua crescita per la difficoltà di migrare i suoi utenti dalle appliance alle soluzioni cloud. Non cambiano gli ambiti in cui Barracuda intende operare, comunque. Restano quelli della sicurezza IT per quanto riguarda in particolare la protezione dei sistemi di posta elettronica, delle reti, delle applicazioni e dei dati. In cloud e in ambienti ibridi.

Al momento non si fa cenno alle possibili sinergie o addirittura integrazioni con altre aziende partecipate o possedute da Thoma Bravo. Tra queste si segnalano in particolare Dynatrace, McAfee e Riverbed.
Pubblicato il: 28/11/2017

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce