Logo ImpresaCity.it

I cinque errori più comuni nel passaggio al cloud

Chi decide di usare servizi cloud cerca soprattutto semplicità e riduzione dei costi, ma non sempre riesce a ottenerli al livello desiderato. Ecco perché.

Redazione Impresacity

Se chiedete a un'azienda perché ha deciso di utilizzare servizi cloud avrete probabilmente tre motivazioni complementari: poter attivare applicazioni e servizi nuovi, avere una maggiore semplicità, spendere meno. Le tre ragioni insieme delineano la ricerca di una maggiore flessibilità nell'uso dell'IT, che poi è una delle ragioni storiche del successo del cloud. Ma questa flessibilità non arriva automaticamente, per raggiungerla bisogna considerare il passaggio al cloud per quello che effettivamente è - una evoluzione strategica dell'azienda, non solo un tema da tecnici - e ponderarlo attentamente. Combinando i pareri di analisti e osservatori, gli errori da evitare sono in particolare i seguenti.

Scegliere il provider troppo in fretta - Certo, è difficile sbagliare se si sceglie come cloud provider uno dei grandi hyperscaler come Microsoft o AWS. Ma non è detto che la scelta "sicura" sia anche la migliore in base alle nostre specifiche esigenze. Il numero di cloud provider potenziali è comunque elevato e ciascuno ha le sue peculiarità. Potrebbe esserci anche qualche provider locale che offre i servizi che cerchiamo e che può far valere elementi particolari come la vicinanza geografica o un supporto personalizzato.

Non sviluppare competenze cloud interne - Spesso ci si affida a un cloud provider anche per non dover affrontare direttamente la gestione delle nuove risorse IT, questo però non vuol dire che non servano esperti cloud all'interno dell'azienda. A meno di non demandare al cloud provider qualsiasi decisione e operazione legata al cloud - e non lo farebbe nessuno - è necessario avere in azienda personale adeguatamente formato. Personale cioè che sappia come avere una visione puntuale delle risorse in cloud e del loro funzionamento, ma soprattutto che sappia come armonizzare l'evoluzione dell'IT aziendale con il mondo cloud.

cloud computing

Non controllare le spese - Il bello del cloud è che si pagano solo le risorse che si attivano effettivamente. Il brutto è che tutto quello che resta attivo si paga. Senza un controllo preciso e costante delle risorse attivate in cloud la bolletta di fine mese può salire vertiginosamente e senza un motivo apparente. Anche per questo servono le competenze citate prima, ma in generale bisogna mettere in atto processi ben precisi per il monitoraggio dei costi. E procedure il più possibile automatiche per controllare l'allocazione delle risorse in cloud, con audit periodici che evitino overprovisioning o l'attivazione di risorse che poi non si usano davvero. Le piattaforme di gestione dell'IT in cloud permettono di fare tutto questo ed evitare di spendere inutilmente.

Puntare sul modello sbagliato - Tra SaaS, IaaS, PaaS e tutte le altre offerte variamente "as-a-Service" più o meno di tendenza (serverless computing, machine learning, container...) un'azienda può avere qualche perplessità di scelta, specie se parliamo di imprese che non hanno nella tecnologia il loro core business e non possono diventare di colpo esperte dell'IT in cloud. In alcuni casi la scelta del servizio da acquistare è automatica ma in molti altri no: bisogna mettere in atto una sorta di "due diligence" per ogni possibile servizio cloud e stabilire quale porti davvero un beneficio. Il difficile è trovare il giusto equilibrio tra valutazioni tattiche (quello che potrebbe servire già ora) e strategiche (quello che riflette la direzione futura dell'impresa).

Non fare propri i principi del cloud - Al cloud si arriva di solito per una ricerca di elasticità, ma è difficile sfruttare appieno le potenzialità del cloud in questo senso se non è anche la stessa azienda utente a farsi "elastica". Bisogna cioè essere pronti e predisposti a implementare nuove applicazioni o nuovi servizi assemblando gli elementi cloud che si hanno a disposizione, senza paura di sbagliare e adottando i modelli di sviluppo agile come DevOps.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 31/10/2017

Speciali

Speciali

La nuova IT per la Digital Transformation

Speciale

Stampa gestita: il Printing è sempre più servizio