Logo ImpresaCity.it

La protezione di Kaspersky negli ambienti virtualizzati

Dopo il supporto a VmWare, arriva ora quello per le piattaforma di Citrix e Microsoft.

Redazione Impresa City

La soluzione di protezione per ambienti virtualizzati di Kaspersky si estende alle piattaforme Citrix XenServer e Microsoft Hyper-V. La soluzione è per ora accessibile solo da alcune aree geografiche (Usa, Germania, Regno Unito. Australia e Medio Oriente), ma il vendor prevede di estendere il supporto anche all’Italia e ad altri paesi nel corso delle prossime settimane.
In pratica, Kaspersky ha esteso la protezione degli ambienti virtualizzati fin qui riservata alle macchine virtuali supportate da un hypervisor VmWare Esx. Il costruttore ha seguito un proprio piano di sviluppo, ottenendo comunque la certificazione da parte di Citrix e Microsoft.
La soluzione si basa su una macchina virtuale, descritta come un’appliance dedicata alla sicurezza e incaricata di intercettare tutto il traffico di rete e i file destinati alle Vm eseguite dall’hypervisor installato sul server protetto. Kaspersky precisa che il 100% dei task di sicurezza sono assicurati dall’appliance virtuale, liberando le altre Vm. Le funzionalità di controllo si estendono alle applicazioni eseguite, alle periferiche connesse, ai siti Web visitati, agli Ips e ai firewall.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 23/04/2014

Tag: Cloud

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito