IDC: se la nuova infrastruttura IT è a prova di urto

Nel nuovo scenario servono investimenti tecnologici mirati, con un crescente spostamento degli investimenti infrastrutturali verso il cloud e i modelli software-defined

Trasformazione Digitale
L’indicazione emerge da una delle più recenti indagini condotte da IDC a livello globale: creare e mantenere un’infrastruttura resiliente sarà una priorità di business per sette imprese su dieci nei prossimi due anni.

Nel corso dell’ultimo anno e mezzo, chi si occupa di IT in azienda ha dovuto affrontare una crisi profonda e molto diversa dalle precedenti. Ciò ha significato concentrarsi su approcci infrastrutturali urgenti e innovativi per cercare di garantire la continuità del business e la sopravvivenza. Per alcune imprese, il rallentamento economico è servito anche per ottimizzare i costi e il ritorno sugli investimenti. Nel medio periodo, l'IT dovrà però consolidare la resilienza operativa, effettuando investimenti in tecnologie che andranno a permeare le intere organizzazioni in modo più continuativo, al di là del contesto di eccezionalità dettato dal primo impatto della pandemia.

In pratica, si tratterà di passare da uno stato di “sopravvivenza basilare” a uno di “resilienza a lungo termine”. Tale obiettivo può essere raggiunto pianificando in modo più ragionato lo spostamento degli investimenti infrastrutturali verso il cloud e i modelli software-defined. Automazione policy-driven, scalabilità, sicurezza e infine gestione dei costi attraverso formule a consumo saranno pratiche indispensabili per mantenere un ambiente infrastrutturale affidabile e in grado di superare ulteriori emergenze.

Parallelamente, le imprese di successo investiranno nell'identificazione dei KPI critici in grado di avere un impatto diretto sui risultati di business. Analisi proattive e predittive su costi, integrità, conformità, sicurezza e prestazioni dell'infrastruttura tecnologica aiuteranno a rilevare le tendenze e ad automatizzare le risposte per aumentare la flessibilità e quindi la resilienza aziendale complessiva. L’utilizzo di architetture applicative cloud costruite attorno a container e microservizi ha maggiore efficacia negli ambienti in cui KPI e policy sono tracciati dinamicamente, per consentire alle organizzazioni di bilanciare i carichi di lavoro e di mitigare i rischi.

Entro il 2023, IDC prevede che l'80% delle imprese trasformate digitalmente farà affidamento su metriche infrastrutturali legate alla resilienza e al miglioramento continuo per guidare il business aziendale. IDC consiglia agli IT leader aziendali di condividere le migliori pratiche e metriche con i colleghi per promuovere lo sviluppo di benchmark di settore per la resilienza infrastrutturale e i profili di costo e sicurezza. Di questi temi si parlerà il prossimo 23 settembre, in diretta streaming dalle 11:30 alle 12:45, nel corso dell’evento digitale IDC Resilient Infrastructure 2021.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori