▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Reply: robot autonomi per il controllo dei danni a veicoli

Reply ha realizzato una piattaforma per la creazione di applicazioni basate su robot autonomi. Prima applicazione: il controllo dei danni a veicoli

Tecnologie
Da qualche tempo Reply lavora allo sviluppo di una piattaforma "generalista" in grado di supportare applicazioni che prevedono l'uso di robot autonomi. O, per la precisione, AMR: Autonomous Mobile Robot. Gli sviluppi combinano i servizi di Microsoft Azure, Spot di Boston Dynamics come AMR, le competenze di Reply in materia di cloud computing, edge computing e intelligenza artificiale.

La piattaforma completa per le applicazioni di robotica ora è pronta ed è pensata per facilitare la realizzazione di nuove applicazioni aziendali in tutti i settori. “Grazie all'architettura agile, siamo in grado di implementare casi d'uso specifici per ciascun cliente in vari settori che includono tutti i tipi di robot mobili o droni", commenta Filippo Rizzante, CTO Reply.

Si parte infatti con un caso d'uso già implementato, a dimostrazione delle possibilità della piattaforma stessa. Si tratta di un sistema di rilevamento automatizzato dei danni ai veicoli studiato per le società di noleggio o leasing. Di norma l'ispezione dei veicoli riconsegnati è una operazione manuale che richiede tempo. Ed è, quindi, costosa rispetto al valore che porta. Una attività candidata ideale per l'automazione robotica.

La soluzione implementata da Reply integra alcuni servizi Azure di intelligenza artificiale e machine learning, più una parte di automazione applicativa e di analytics via Power Apps e Power BI. Il robot Spot si muove liberamente nel parcheggio dove si trovano i veicoli e scansiona le targhe per trovare quello che deve esaminare. Gira intorno ad esso per registrarne le condizioni, usando la sua videocamera ed altri sensori.

I dati così raccolti possono essere elaborati sul posto o trasmessi al cloud, dove algoritmi di riconoscimento delle immagini e di machine learning eseguono il rilevamento dei danni. Le analisi effettuate vengono presentate al cliente e al gestore della flotta per approvazione.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

AI Generativa

Speciale

Sviluppo Software

Speciale

L’Ecommerce B2B in azione

Speciale

Speciale Mobile World Congress 2024

Webinar

Dopo CentOS, tutto quello che serve sapere sull’evoluzione del sistema operativo enterprise

Calendario Tutto

Giu 18
IDC Security Forum 2024
Giu 18
Il supporto di Gyala per ottenere la compliance alla NIS2: tecnologia e consulenza
Lug 04
#MeseDelCanale - L'intelligenza artificiale come acceleratore strategico per il canale

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter