Red Hat si tinge di ROSA con Amazon Web Services

Il nuovo servizio gestito Red Hat OpenShift Service su AWS rende più facile costruire, scalare e gestire cluster Kubernetes su Amazon Web Services

Cloud
Red Hat si tinge di ROSA. È infatti questo l’acronimo di Red Hat OpenShift Service on Amazon Web Services, un nuovo servizio gestito disponibile tramite la Console AWS che rende più facile per chi usa OpenShift costruire, scalare e gestire applicazioni containerizzate su AWS.  

Con ROSA, evidenzia una nota, si possono creare in maniera semplice cluster Kubernetes utilizzando la console di OpenShift, le sue funzionalità e i suoi strumenti senza dover scalare e gestire manualmente l'infrastruttura sottostante. ROSA semplifica lo spostamento su AWS dei workload OpenShift on-premise e offre una più stretta integrazione con altri servizi AWS.  

Non solo: il nuovo servizio ROSA permette anche di accedere a Red Hat OpenShift con fatturazione e supporto gestiti direttamente attraverso AWS, con tutti i vantaggi di avere un unico fornitore. Non sono previsti investimenti iniziali per utilizzare ROSA, e si paga solo per i cluster di container e i nodi utilizzati.

I container hanno avuto grande successo tra i clienti di AWS e Red Hat perché aumentano la velocità degli sviluppatori e migliorano la portabilità delle applicazioni. Se l'elasticità, la scalabilità e la sicurezza di AWS sono molto apprezzate da chi usa Red Hat OpenShift, la gestione autonoma dei cluster richiede sforzi e spese aggiuntive derivanti dal dover gestire due diversi provider per supporto e fatturazione. Con ROSA, i clienti possono creare rapidamente e facilmente cluster Kubernetes usando le API e gli strumenti di OpenShift e accedere all'intera gamma dei servizi AWS, il tutto dalla console di AWS.

"Sempre più spesso, le aziende si rivolgono ai container per migliorare la velocità e la portabilità delle applicazioni e si affidano a tecnologie come Red Hat OpenShift e AWS che rendonono più facile l'implementazione di applicazioni containerizzate", spiega Bob Wise, GM Kubernetes di AWS. "ROSA dà a questi clienti la possibilità di eseguire senza soluzione di continuità i container su AWS utilizzando i tool e le familiari API di Red Hat OpenShift, e integra l'intera gamma dei servizi AWS per costruire, scalare e gestire i loro workload."

"Red Hat OpenShift fornisce una piattaforma Kubernetes comune, aperta e di livello enterprise in grado di coprire l’intera infrastruttura ibrida, dal data center fisico di un cliente fino alle sue operazioni su AWS", aggiunge Sathish Balakrishnan, vice president, Hosted Platforms di Red Hat. "ROSA fornisce un processo semplificato per le organizzazioni che vogliono estendere la potenza di Red Hat OpenShift in AWS senza dover gestire flussi tecnologici separati, permettendo ai team IT di concentrarsi sulla fornitura di valore e non sulla gestione dell'infrastruttura sottostante."
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

Calendario Tutto

Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori