SD-WAN: HPE acquisisce Silver Peak pensando ad Aruba

Le tecnologie SD-WAN di Silver Peak possono affiancare ed ampliare quelle di Aruba nell'ottimizzazione della connettività dall'edge verso il cloud

Tecnologie
HPE continua a dare sostanza alla sua intenzione di considerare il cloud come una piattaforma assolutamente trasversale. Nella sua parte più evidente, questa strategia significa delocalizzare il cloud dall'edge al cuore della "nuvola". Come è stato ampiamente sottolineato anche di recente. In maniera meno evidente, e meno scontata, significa considerare tutti i possibili componenti del mondo cloud allo stesso livello di importanza.

Viene ovvio considerare la componente hardware di HPE, anche se ora "servitizzata" con GreenLake. La parte software è stata meglio strutturata con Ezmeral. La parte networking è la meno evidente per il grande pubblico - non certamente solo nel caso di HPE - tanto che il CEO Antonio Neri ribadisce continuamente il ruolo chiave delle tecnologie Aruba nella costruzione di una offerta network-as-a-service.

Ora questa focalizzazione sul nuovo networking porta ad una acquisizione mirata. Quella di Silver Peak, in una operazione valutata ben 925 milioni di dollari. Le tecnologie dell'azienda acquisita saranno integrate con quelle di Aruba. Per rafforzare la sua offerta in un ambito in forte evoluzione: quello delle SD-WAN (Software-Defined Wide Area Network). E abilitare, nelle parole di Antonio Neri, "un vero modello di cloud distribuito".
network stuffIl tema di fondo è quello, già sottolineato diverse volte da HPE, della necessità di rivedere il funzionamento delle reti geografiche per adattarlo alla logica del cloud. Oggi le principali applicazioni aziendali sono servizi SaaS che si trovano, di norma, nei data center dei cloud provider. Questo è uno scenario ben diverso da quello previsto dal modello classico "a router" delle WAN aziendali. In cui le sedi decentrate devono collegarsi quesi esclusivamente al (o ai) data center aziendali. E da lì, semmai, ad altre risorse.

Oggi idealmente una architettura WAN deve prevedere la connessione diretta di qualsiasi sede decentrata - o, meglio, qualsiasi ambiente di edge computing - a qualsiasi cloud. Senza passare da un "centro" che, se esiste, ha meno importanza dal punto di vista della connettività. E questi collegamenti devono essere realizzati in maniera elastica, secondo le tecnologie e i protocolli più opportuni in un dato momento. Da qui l'idea di estendere alle WAN l'approccio software-defined già adottato nel networking "locale". E la nascita delle SD-WAN.

In questo scenario Silver Peak si distingue, fa capire HPE, perché le sue soluzioni si caratterizzano per un elevato grado di elasticità. La sua piattaforma Unity vene descritta come in grado di adattare il funzionamento di una WAN ai principali requisiti di performance delle applicazioni che vi trasferiscono dati. Grazie a un monitoraggio continuo dell'infrastruttura di rete, del traffico dati, delle performance offerte (e previste) delle applicazioni. Tutte funzioni che un router tradizionale non esegue.
global network 1280x720 1L'approccio di Silver Peak è molto simile a quello di Aruba. È fatto di appliance che sostituiscono i router tradizionali e permettono una gestione dinamica e automatizzata delle connessioni WAN. Si basa anche su diversi servizi in cloud, a partire dalle appliance stesse perché possono essere usate in una forma virtualizzata.

Queste similitudini rendono la linea Unity ben integrabile con la Aruba Edge Service Platform. Inoltre Silver Peak porta in dote tecnologie sviluppate in modo specifico per l'ottimizzazione del traffico WAN e per la sicurezza delle connessioni geografiche. Oltre che un ecosistema di partner particolarmente ampio.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori