Dl liquidità: Unimpresa, in molte banche procedure troppo complesse

Unimpresa: "La compilazione dell’allegato 4 bis e l’invio dello stesso alla banca non è esaustivo per l’ottenimento del finanziamento".

Mercato e Lavoro
"La procedure per chiedere i prestiti previsti dal decreto liquidità, garantiti dallo Stato, sono ancora troppo complesse". Lo scrive Unimpresa in una comunicazione interna diretta alle associate nella quale spiega che "la semplice compilazione dell’allegato 4 bis e l’invio dello stesso alla banca non sia esaustivo per l’ottenimento del finanziamento. 
Il flusso operativo prevede oltre alla compilazione dell’allegato 4 bis, la compilazione del modello di richiesta fido banca, l’inserimento dei parametri dimensionali dell’azienda richiedente e delle partecipate,  l’indicazione del dettaglio fidi in essere e della situazione patrimoniale azienda e l’acquisizione dei documenti contabili. Successivamente all’acquisizione della documentazione si può provvedere all’inserimento in piattaforma telematica Mediocredito Centrale e al congelamento. Dopo la delibera Mcc e la valutazione merito creditizio banca, si provvederà all’erogazione del finanziamento. Qualora la banca non provveda all’erogazione del finanziamento, dovrà rinunciare alla garanzia e l’azienda rivolgersi a un altro istituto di credito ripresentando la domando con il nuovo iter". 
Secondo il vicepresidente di Unimpresa, Salvo Politino, resta un dubbio: "Nel caso di erogazione da parte della banca, è sicuro che lo stesso costituisca nuova liquidità per l’azienda e non serva alle banche per coprire con la garanzia dello stato posizioni già in essere?".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori