Coronavirus, Assintel al Governo: le imprese ICT sono in sofferenza, servono azioni rapide

Assintel – l’associazione nazionale delle imprese ICT di Confcommercio: "Da un sondaggio la metà delle imprese associate per ora resiste, ma se la situazione persiste, si prevede nell’arco dell’anno un significativo impatto negativo per l’80% di loro".

Mercato e Lavoro
In un sondaggio interno sui propri associati, Assintel – l’associazione nazionale delle imprese ICT di Confcommercio – rileva che nel primo trimestre il settore ICT cerca di contenere la crisi, anche se il 47% di aziende dichiara diminuzioni significative di fatturato (oltre il 10%).
Nell’arco dell’anno le previsioni diventano però preoccupanti: il 60% delle imprese stimano un calo di fatturato dal 10 al 50%, il 17% di loro un tracollo oltre il 50%.
"Le soluzioni attualmente più utilizzate sono lo smart working (per quasi la metà di loro) e gli investimenti in business development e ricerca e sviluppo (per un’azienda su quattro), segnale di un settore che pensa positivo anche dentro la tempesta: ma quanto potrà durare?
Debellare il virus senza distruggere il contesto socio-economico entro il quale viviamo: ecco la sfida più grande a cui sono chiamate imprese e Governo" scrive in una nota l'associazione.
“Fermare il Paese senza rapidi e ingenti sostegni keynesiani all’economica significa consegnare ai guariti una realtà senza economia, con uno scenario di povertà e di perdita di dignità cui non siamo preparati, e ciò sarebbe come tradire l’enorme sforzo che stanno compiendo medici, infermieri e sistema sanitario”, così il commento di Paola Generali, Presidente Assintel.
Assintel quindi chiede al Governo "di agire in tempi rapidissimi, perché le aziende italiane sono come un paziente in agonia e se non verranno prese decisioni importanti in tempi brevissimi potrebbero non riaprire. La nostra terapia d’urto è questa": 
  • Azzeramento delle tasse fiscali, previdenziali e degli anticipi fino a Dicembre 2020, sostenendo in particolar modo le aziende delle regioni più colpite
  • Portare a credito di imposta gli affitti da Febbraio 2020 sino al termine del LockDown per tutte le aziende di ogni settore, comprese quelle operative in Smart Working
  • Accesso al Sistema Creditizio con garanzia dello Stato con estrema rapidità, eliminando tutti i passaggi burocratici che ad oggi creano un rallentamento nell’erogazione del credito
  • Creazione di un sistema di incentivi allo Smart Working duraturo anche post Coronavirus
  • Potenziare la connettività infrastrutturale, anche nelle zone marginali del territorio, per abilitare la digitalizzazione
  • Sbloccare immediatamente i crediti vantati dalle MPMI verso la PA ed eliminare lo Split Payment
  • Bloccare le maxi gare CONSIP e riprogettare il sistema di approvvigionamento della PA, dando spazio alle MPMI e rivedendo il sistema del massimo ribasso delle tariffe
  • Totale defiscalizzazione per le MPMI che investano in innovazione per riprogettare il proprio business
  • Potenziare la disponibilità di Bandi a Fondo Perduto per la digitalizzazione e l’innovazione delle MPMI di tutti i settori 
  • Sburocratizzare tutte le procedure che stanno rallentando moltissimo la proattività delle aziende nonostante il momento di estrema criticità.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

Calendario Tutto

Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori