Azure Edge Zones: il cloud Microsoft va in periferia

Le Azure Edge Zones sono un nuovo modo per delocalizzare le principali funzioni del cloud. Con un occhio al 5G.

Industria 4.0 Trasformazione Digitale Cloud
Il principale motivo per cui si è cominciato a parlare di edge computing? È che in molti scenari d'uso il cloud è troppo "lontano" da dove servono le sue funzioni. La lontananza non è detto che sia fisica. Basta una latenza di rete troppo elevata. Che renda eccessivi i tempi di risposta del cloud. Questo ha portato molte aziende a sviluppare propri ambienti di edge computing. Con soluzioni più o meno complete.

Il problema edge computing è vissuto ovviamente anche dai principali cloud provider. Anch'essi hanno interesse a delocalizzare in periferia le loro funzioni. Altrimenti il rischio è quello di essere sostituiti da altri fornitori. Magari più di nicchia. E magari solo per alcuni scenari verticali. Ma il rischio c'è. O comunque c'è una domanda da parte dei clienti, che va soddisfatta.

Microsoft ha studiato una sua soluzione. Sono le Azure Edge Zones. In pratica varie forme di "avamposti" di Azure che sono posizionati (più) vicino agli utenti. Al limite, direttamente presso di loro. Sono pensate per tutte le applicazioni in cui il tempo di risposta delle funzioni in cloud deve essere minimo. IoT, automazione industriale, real-time analytics sono tra le prime applicazioni business che vengono in mente. Ma ci sono anche tutte quelle che prevedono una distribuzione di contenuti interattivi. Dal gaming ai meeting virtuali.

sfondo specialeMicrosoft ha ideato tre versioni delle Azure Edge Zones. La più tradizionale vede la creazione di nodi decentrati di Azure. Collocati in data center che non hanno le dimensioni di quelli delle Region di Azure. Ma che sono geograficamente vicini agli utente. Offrono le stesse funzioni di base infrastrutturali. Ad esempio per quanto riguarda la virtualizzazione. Queste Azure Edge Zones sono di proprietà di (e soprattutto gestite da) Microsoft. Gli utenti ne sfruttano le funzioni utilzzando ii classici strumenti di Azure a cui sono già abituati.

Le Azure Edge Zones sposano il 5G

Microsoft ha sviluppato collaborazioni con alcuni operatori mobili che stanno implementando reti 5G. Con questi propone le cosiddette "Azure Edge Zones with carrier". Il principio architetturale è lo stesso delle Zones appena illustrate. Ma queste Zones "con operatore" sono implementate nei data center degli operatori mobili. E da qui sono connesse alla rete globale Microsoft. Quindi verso le Region di Azure.

L'idea è che questi mini-cloud decentrati siano connessi ai dispositivi dei clienti attraverso reti 5G. Queste dovrebbero garantire banda e latenza adeguate per le applicazioni anche esigenti. Il requisito è che le Azure Edge Zones siano distribuite in maniera abbastanza capillare. Rispetto alla distribuzione degli utenti finali.

Chiaramente questo implica un certo lavoro di coordinamento e collaborazione con gli operatori 5G. Anche per questo Microsoft elenca una decina di operatori partner. Ma per ora parte con uno solo: AT&T, negli Stati Uniti. E qui l'idea è coprire inizialmente le aree urbane ad alta densità. Mettendo anche in campo partnership tecnologiche con altri vendor. Che devono garantire connessioni adeguate e soprattutto sicure. Sul 5G e non solo. Tra i nomi citati: Affirmed, Mavenir, Nuage Networks, Metaswitch, Palo Alto Networks, VeloCloud.

network ai

Le Azure Edge Zones "chiuse"

Molte aziende possono apprezzare il concetto delle Azure Edge Zones ma volerne una versione completamente propria. Nella logica del cloud privato rispetto al cloud pubblico. La soluzione è già stata prevista con le Azure Private Edge Zones.

Come è facile intuire, si tratta di micro-cloud on-premise del tutto compatibili con Azure. In estrema sintesi, una Zona di questo tipo comprende uno o più server con Azure Stack Edge, che realizzano un ambiente cloud connesso con Azure. I servizi e le applicazioni più esigenti sono eseguiti in locale. Per il resto ci si collega ad Azure. Oppure ad una Edge Zone gerarchicamente superiore, gestita da un carrier o da Microsoft.

Elemento caratterizzante è che le Azure Private Edge Zones hanno la loro connettività. Comprendono anche una rete cellulare privata. Idealmente 5G, in alternativa Private LTE. Questo per garantire una connettività ad alte prestazioni ma chiusa, volendo senza il collegamento - nemmeno indiretto - ad altre reti.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori