Logo ImpresaCity.it

Due anni in più per migrare gli ambienti SAP legacy a S/4HANA

SAP estende il supporto alla Business Suite 7 fino a tutto il 2027, con altri tre anni di extended maintenance

SAP vuole che i suoi clienti passino progressivamente dalle installazioni on-premise al cloud. Ma sa anche che il processo non è semplice e richiede tempo e risorse. Ormai troppe per rispettare la scadenza del 2025 posta al supporto per la SAP Business Suite 7. Così la software house tedesca ha deciso di spostare quella data al 2027. E sta cercando di addolcire la pillola della migrazione con alcune altre novità. 

Il punto chiave resta la difficoltà che molti utenti SAP trovano a passare dalle applicazioni tradizionali al cloud. Un passaggio che prima o poi va fatto. E che secondo il co-CEO di SAP, Christian Klein, tutti vogliono fare. "Una recente indagine del SAP Users’ Group americano non ha evidenziato nemmeno un cliente che non stia pianificando di migrare a SAP S/4HANA", ha spiegato.

Dal pianificare al mettere in atto però c'è una bella differenza. E non tutte le analisi sugli utenti SAP sono ottimistiche come quella americana. La stessa nota ufficiale SAP indica ad esempio che per lo User Group in lingua tedesca il 49% degli utenti intende migrare a S/4HANA entro tre anni. Che è bene per SAP, ma non è la stessa cosa di una migrazione massiccia. Una indagine dello User Group di Gran Bretagna e Irlanda ha recentemente indicato che il 58% degli utenti non intende passare a S/4HANA da qui al 2022 e che il 27% non lo farà prima del 2023.
sap now the best run sapSono tempistiche che rendono un problema serio il fine supporto al software SAP considerato legacy. La migrazione di un sistema SAP completo richiede, per una grande azienda, tipicamente qualcosa come 18 mesi. Anche qualcosa in più, a seconda di quanto le applicazioni siano state personalizzate per la specifica impresa. Per una grande azienda che inizi la sua migrazione tra un paio d'anni, il rischio di arrivare al fine supporto del 2025 con la transizione ancora in corso è elevato.

Un problema di risorse

Il problema non è tanto tecnologico ma di risorse. Innanzitutto economiche, perché una migrazione è comunque impegnativa. Ma anche di risorse "soft": personale e competenze. Che spesso non si trovano all'interno e vanno cercate all'esterno. Presso partner tecnologici, consulenti e system integrator che, è facile immaginare, saranno sempre più impegnati sul fronte delle migrazioni al cloud.

Così SAP ha deciso di spostare la data di fine supporto al termine del 2027. Inoltre ha predisposto un'altra fascia di supporto a pagamento. La cosiddetta "extended maintenance" sarà disponibile sino alla fine del 2030 e costerà il 2% del costo di licenza annuale che l'azienda già paga. Dopo il 2030 il supporto ai software legacy in teoria esisterà ancora, ma con contratti custom che possono raggiungere facilmente somme elevate. Di fatto, quindi, il 2030 sarà la data ultima entro cui è pensabile avere sistemi basati sulla SAP Business Suite 7.

Per agevolare ulteriormente la transizione dal legacy al cloud, SAP ha anche deciso di supportare S4/HANA fino al 2040. Una decisione corretta, perché il passaggio a una nuova piattaforma estesa come quelle di SAP non è solo una questione tecnologica. Richiede quasi sempre un ripensamento organizzativo e una rivisitazione dei processi aziendali. A meno di eventi particolari come acquisizioni e fusioni, una grande impresa vuole poter contare per lungo tempo sulla piattaforma che "fa" la base della sua operatività.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 07/02/2020

Speciali

Speciali

World Backup Day 2020

Speciali

Come abilitare il lavoro da casa… sicuro. Rischi, errori da evitare, regole da seguire