Logo ImpresaCity.it

Google Cloud punta all'enterprise anche con HCL

Una nuova business unit di HCL aiuterà Google a diffondere la Google Cloud Platform presso le grandi imprese globali

f.p.

Per molto tempo le grandi imprese hanno considerato Google come il cloud provider "alternativo". Non avevano dubbi o perplessità sulla sua tecnologia ma sul suo approccio alle aziende. Considerandolo un po' troppo da tecnici e con una visione poco business-oriented, rispetto a concorrenti come AWS o Azure. Per questo i Google Cloud Services sono stati spesso utilizzati in modo mirato, all'interno di progetti più ampi. Quasi come una ciliegina tecnologica su una torta che era basata su altri cloud provider.

Nel tempo questa visione è cambiata. Anche perché la stessa Google si è resa conto del suo potenziale punto debole. E ha provveduto presentandosi in maniera più "aziendale". E in particolare portando a bordo un manager che di cloud enterprise sicuramente ha esperienza: Thomas Kurian, proveniente da Oracle.

Google sa bene che, in questo, deve anche coinvolgere i grandi nomi della consulenza e della system integration. I quali devono "accreditarla" presso molte grandissime imprese. E impacchettare i suoi servizi in offerte che siano di immediata comprensione, ed utilità, per le aziende. In questo ora Google fa un bel passo in avanti ampliando notevolmente il suo rapporto con l'indiana HCL Technologies.

googlewall
HCL è una delle principali aziende di consulenza IT a livello globale. È quindi significativo che abbia scelto Google Cloud come una delle principali piattaforme cloud su cui specializzarsi. Anzi, come il suo "preferred cloud provider" per alcuni settori verticali considerati chiave. Questo significa - ha sottolineato Kevin Ichhpurani, Corporate Vice President, Global Ecosystem di Google Cloud - che HCL adotterà un approccio "Google Cloud first" quando si propone ai clienti di alcuni ambiti di mercato.

Per questo HCL Technologies darà vita a una nuova Google Cloud Business Unit. Partendo dagli oltre mille tecnici che HCL ha già focalizzato sui servizi cloud di Google, la nuova divisione dovrebbe arrivare a contarne più di cinquemila.

Inizialmente la business unit punterà in modo particolare su alcune forme specifiche di utilizzo dei servizi Google. Si tratta principalmente della migrazione di workload ed applicazioni SAP sulla Google Cloud Platform, della creazione di ambienti ibridi e multicloud grazie a Google Anthos, delle applicazioni di analytics e AI/ML in ambito e-commerce, supply chain, marketing. Altri scenari citati sono data center modernization, evoluzione dei workspace, collaboration, DevSecOps, orchestration.

L'obiettivo è esplicito: aiutare le grandi aziende a definire migrazioni su larga scala verso la Google Cloud Platform. Con la conseguenza, nelle parole di Ichhpurani, di "espandere la presenza enterprise di Google Cloud all'interno dei grandi clienti".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 31/10/2019

Speciali

Speciali

Check Point Experience 2019

Webinar

Non aprite quella mail… come e perché continuiamo, tutti, a cadere nella stessa trappola