Logo ImpresaCity.it

Lo sport digitale è anche social media marketing

Lo sport è anche un canale di comunicazione, e sui social network un atleta può essere un testimonial di successo. Ma non basta il marketing fai-da-te

Nuove partenze, nuovi traguardi. La continua contaminazione tra sport e social network sta cambiando il panorama sportivo globale. Tifosi, giocatori, appassionati di sport e fitness-addicted adesso condividono strumenti e piattaforme digitali che hanno cambiato, per sempre, il modo di comunicare.

La continua contaminazione tra i due mondi ha creato scenari finora difficili da immaginare. Basti pensare ai progetti per i nuovi stadi hi-tech o - notizia di queste settimane - all'utilizzo di un videogioco per il lancio della nuova maglia di una squadra di calcio. Gli atleti professionisti diventano i nuovi influencer, mentre squadre e società sportive reclutano le nuove promesse grazie a strumenti sempre più all'avanguardia nel campo delle statistiche e, non serve sottolinearlo, studiando e analizzando social network.

Anche per le aziende che cercano un posizionamento nel mondo dello sport e del benessere è fondamentale trovare testimonial affidabili e credibili. Fino a qualche anno fa infatti la selezione del testimonial avveniva solo o per la maggior parte grazie ai "numeri" dello sportivo. Quanti follower ha? Quante persone saranno raggiunte dal suo messaggio? Oggi invece la tendenza è selezionare i profili anche grazie a informazioni finora difficili da reperire. Sì, perché dai social traspare anche l'anima dello sportivo, la sua personalità, quella vera. E quando la personalità dell'atleta coincide con quella dell'azienda, il gioco è fatto.

Sembra tutto facile, visto così. Ma non tutti gli sport, non tutti gli atleti e non tutte le aziende sono pronti per il grande cambiamento. Molti dei contenuti pubblicati infatti sono sviluppati e creati solo per mantenere una certa periodicità nelle uscite, per colmare un vuoto che altrimenti diventerebbe un silenzio assordante.

sport
È ancora molto difficile, per un atleta, calibrare alla perfezione momenti di vita privata ad allenamenti e momenti chiave della propria carriera sportiva. Gare, risultati, trionfi e sconfitte possono e devono essere gestite al meglio. La digital reputation segue passo passo la vita professionale e influisce sulla carriera di ogni professionista dello sport. Soprattutto se appartiene a squadre o società sportive, che a loro volta risentono di tutti i piccoli-grandi scossoni digitali dei propri tesserati. Il lavoro di squadra in questo caso è fondamentale.

Considerando che nella maggior parte dei casi l'atleta di punta ha più follower di tutta la squadra stessa o della Federazione alla quale appartiene, giocare in team diventa una preziosa risorsa per far crescere il valore totale di una squadra.

Ma come si può comunicare tutto al meglio e su quali piattaforme? La definizione del personaggio sportivo/testimonial infatti passa anche dalla scelta del giusto media. Una pubblicazione su Instagram ad esempio non sortirà gli stessi effetti di un post pubblicato su Facebook o su Twitter. Per tanti motivi. Perché il target al quale ci si rivolge non è lo stesso. Perché fasce d'età e interessi sono diversi. Perché i macro-argomenti di ogni singolo social network sono diversi. Il mondo dello sport si deve necessariamente adattare e aggiornare ad ogni nuovo strumento che il mondo digital propone e offre quotidianamente. Per trasmettere grinta, passione e, perché no, il benessere di cui tutti quanti siamo alla ricerca.

* Roberto Nava è atleta, blogger e co-fondatore di My Digital Sport, che grazie a un servizio di consulenza "ad hoc" forma gli atleti in ambito comunicazione social, in modo da farli diventare influencer ed efficaci testimonial online

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 23/07/2019

Speciali

Speciali

Gli ERP nell’era della trasformazione digitale

Speciali

NetApp Data Driven Academy