Verso il 5G: Vodafone completa la copertura Narrowband IoT in Italia

La tecnologia permetterà ad aziende e PA di accedere in anticipo ad alcune delle funzionalità della nuova generazione mobile

Tecnologie Mercato e Lavoro
Mentre l’asta delle frequenze 5G fa notizia per le cifre da capogiro che sono state raggiunte, Vodafone fa sapere di aver completato la copertura del 100% dei propri siti 4G con la tecnologia Narrowband-IoT (Narrowband  Internet of Things), che permetterà ad aziende e PA di accedere in anticipo ad alcune delle funzionalità 5G.

Il NB-IoT è uno standard di trasmissione dati su reti cellulari che integra le caratteristiche di una rete Low Power Wide Area  (LPWA) con quelle delle reti cellulari LTE 2G, 3G e 4G. I principali vantaggi di questa tecnologia sono: una forte copertura su vaste aree, anche quando i dispositivi si trovano sottoterra o in ambienti scarsamente coperti, una maggiore efficienza dal punto di vista energetico, che consente di estendere la durata delle batterie degli oggetti connessi anche oltre i 10 anni, e un supporto fino a 50.000 dispositivi in una singola cella senza rischi di congestione. Il recente inserimento del NB-IoT all’interno degli standard del 5G da parte dell’ente di standardizzazione 3GPP, assicura inoltre la coesistenza delle due tecnologie, aumentando ulteriormente il ciclo di vita del NB-IoT.

Queste caratteristiche rendono possibili specifici casi d’uso per il monitoraggio energetico, sanitario, ambientale e strutturale, e aprono nuove opportunità in campi come l’agricoltura di precisione, le smart city e le smart utility. Un esempio in questo senso è l’accordo tra Vodafone e Apkappa, società del Gruppo Maggioli attiva nel settore delle soluzioni innovative per le smart city, volto a dotare di connettività NB-IoT i dispositivi prodotti da Apkappa, che consentono di rendere “intelligenti” i contatori meccanici  e di telegestire così le reti idriche e di illuminazione pubblica. Nei prossimi cinque anni è infatti prevista un’implementazione di almeno ulteriori 100.000 dispositivi tutti comunicanti in NB-IoT.

Vodafone oggi connette circa 74 milioni di oggetti nel mondo, di cui 9,2 in Italia, numeri che, grazie alla diffusione del NB-IoT su tutto il territorio, continueranno a crescere: una volta a regime, infatti, questa tecnologia consentirà di connettere più di 3 miliardi e mezzo di dispositivi, una cifra oltre trenta volte superiore al numero di SIM attive attualmente in Italia.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori