Logo ImpresaCity.it

Ricoh, se la stampa 3D cambia il volto al Retail

Le nuove esigenze dei consumatori alla prova delle tecnologie: i retailer di tutta Europa votano per l’additive manufacturing

Redazione Impresacity

Secondo il nuovo studio “The Future of Print” di Ricoh, il 73% delle aziende del settore Retail considera l’additive manufacturing una grande opportunità per aumentare la soddisfazione dei clienti. L’84% dei 791 retailer segnala come i clienti richiedano tempi di consegna sempre più ridotti, mentre il 74% mette in evidenza una crescita della domanda di prodotti personalizzati. La stampa 3D gioca un ruolo importante per soddisfare queste esigenze e, secondo il 68% degli intervistati, può rappresentare la vera fonte di differenziazione sul mercato.  

La ricerca, condotta da Coleman Parkes per conto di Ricoh Europe, è stata condotta a maggio 2018 e ha coinvolto 3.150 partecipanti provenienti da aziende di ogni dimensione in tutta Europa, Italia compresa

"Per il settore Retail diventa sempre più importante riuscire a realizzare per ogni singolo cliente il prodotto giusto, al momento giusto. I retailer che operano con punti vendita fisici concorrono con il business digitale per offrire prodotti on demand e personalizzati in base alle preferenze del consumatore. Un numero sempre maggiore di negozi rischia di chiudere e, per evitarlo, i rivenditori principali stanno ricorrendo al 3D printing per migliorare l’esperienza clienti e fidelizzarli, anche ottimizzando i tempi delle consegne”, ha commentato David Mills, CEO di Ricoh Europe. 

ricoh print
Per stare al passo con questa evoluzione, il 68% dei retailer prevede di investire nell’Additive Manufacturing entro i prossimi due anni. In particolare, il 60% ritiene che il 3D contribuirà a velocizzare i processi produttivi e il 73% è convinto che questi sistemi di stampa li aiuteranno a cogliere nuove opportunità.  

Colmando il divario tra oggetti fisici e digitali, le tecnologie per l’Additive Manufacturing semplificano il modo in cui i prodotti vengono sviluppati e distribuiti. La produzione on demand diventa sempre più localizzata e i cambiamenti saranno ancora più significativi quando le aziende inizieranno a dare maggiore enfasi alla vendita di prodotti 3D riproducibili in modo illimitato”, ha concluso David Mills.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 11/09/2018

Speciali

Speciali

Check Point Experience 2019

Webinar

Non aprite quella mail… come e perché continuiamo, tutti, a cadere nella stessa trappola