Logo ImpresaCity.it

Sicurezza IT: chi spende meno si conosce peggio

Per Forrester Research le imprese che spendono meno in IT security conoscono poco la loro reale condizione in quanto a minacce IT. Male PA e Sanità.

Autore: Redazione Impresacity

Forrester Research ha condotto una ricerca riguardante i budget che le imprese intendono impiegare per la sicurezza IT nel corso del 2018. Il campione esaminato comprende aziende che già investono dal 10 al 30 percento del loro budget tecnologico per soluzioni legate all'IT security.

L'indagine ha in particolare rilevato che le aziende che più investono in sicurezza sono anche quelle che più probabilmente rendono pubblici i loro "data breach". La conclusione deriva dal fatto che i due terzi delle imprese che investono poco in sicurezza (10 percento o meno del budget) non hanno segnalato alcuna breccia negli ultimi dodici mesi: è decisamente improbabile che non ne abbiano davvero subita nessuna, quindi o non se ne sono accorte o hanno scelto di non divulgarla. Questa quota scende al 41 percento tra le aziende che spendono il 20-30 percento del budget in sicurezza.

Il fatto che un'azienda segnali poche o nessuna breccia non è un indice di maggiore sicurezza, spiega Forrester. È invece segno di poca conoscenza: i budget bassi impediscono alle imprese di comprendere appieno la loro vera "security posture".

Ragionando per settori di mercato, è il comparto dei servizi finanziari a mostrare la quota maggiore di aziende che investono di più. A questo settore di mercato corrisponde infatti il 28 percento delle imprese sia nella fascia di quelle che spendono in sicurezza il 11-20 percento del budget, sia nella fascia 21-30 percento. La fascia delle imprese che dedicano all'IT security meno del 10 percento del budget tecnologico è guidata invece dalle aziende della PA e della Sanità.
Pubblicato il: 13/02/2018

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza