Logo ImpresaCity.it

NetApp ha una divisione per il private cloud

La business unit Cloud Infrastructure ora punta in modo specifico ai clienti che vogliono realizzare propri ambienti di cloud privato, con un'offerta mirata

Redazione Impresacity

NetApp ha sviluppato una risorsa in più per i grandi clienti che intendono realizzare direttamente infrastrutture di cloud privato. Si tratta della business unit Cloud Infrastructure, che raccoglie al suo interno i prodotti convergenti FlexPod, quelli iperconvergenti HCI di nuova generazione, gli array flash SolidFire e i sistemi StorageGrid.

A capo della divisione è stato posto un nuovo acquisto della società, Brad Anderson: viene da Gravitant, società che ha sviluppato una piattaforma di brokeraggio di servizi cloud e che nel 2015 è stata acquisita da IBM. Precedentemente è stato presidente dell'Enterprise Solutions Group di Dell e prima ancora responsabile della parte server x86 di HP Compaq.

Anderson riporta direttamente al CEO di NetApp, George Kurian, e proprio le dichiarazioni di rito di quest'ultimo lasciano intendere che la società punti a far crescere velocemente il business legato alla parte infrastrutturale più evoluta. Di Anderson è infatti citata la capacità di "far evolvere prodotti emergenti in business da svariati milioni e miliardi di dollari".

Molti noti prodotti di NetApp restano comunque fuori dal raggio d'azione della business unit Cloud Infrastructure. Alcuni, come la piattaforma Ontap e gli array ibridi, rientrano nella divisione Storage Systems and Software e sono di interesse per vari tipi di aziende utenti. I prodotti più focalizzati alle implementazioni di cloud pubblico o multicloud dovrebbero invece far parte della Cloud Business Unit, che ora è la divisione Cloud Data Services.
Pubblicato il: 19/01/2018

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud