Logo ImpresaCity.it

La stampa 3D rivoluziona tre mercati, spiega Gartner

Areonautico, medicale e consumer goods sono al centro di grandi evoluzioni legati alla stampa 3D e all'additive manufacturing

Redazione Impresacity

La stampa 3D sta facendo sentire la sua spinta evolutiva in diversi settori, anche grazie all'evoluzione costante delle diverse tecnologie di additive manufacturing. Secondo Gartner saranno però tre ambiti in particolare a sfruttare le potenzialità della stampa 3D già a breve-medio termine, nel giro cioè dei prossimi anni. Si tratta dei comparti aeronautico, medicale e dei beni di consumo, che da qui al 2021 vedranno una quota importante - se non proprio maggioritaria - di applicazioni dell'additive manufacturing.

In prima fila c'è certamente il settore areonautico e aerospaziale: Gartner stima che entro il 2021 il 75 percento dei nuovi velivoli civili e militari opererà con diversi componenti stampati 3D, dalle parti dei motori sino agli elementi della cabina e della fusoliera. Questo settore è stato d'altronde uno dei primi ad adottare la stampa 3D per velocizzare prima la prototipazione e poi la produzione di componentistica. Per questo, mentre la prototipazione resta in molti ambiti l'applicazione principale della stampa 3D, in campo aeronautico grandi nomi come Boeing o GE Aviation hanno già migliaia di componenti prodotti per additive manufacturing.

stampa 3d motore

Buone previsioni anche per il settore medicale: Gartner stima che entro il 2021 un quarto dei chirurghi farà pratica su modelli in stampa 3D dei pazienti prima di operarli dal vivo. Ospedali e laboratori clinici stanno investendo nelle tecnologie di stampa 3D integrandole nei loro workflow collegati alla diagnostica per immagini. Questo permette ad esempio di pianificare meglio gli interventi su casi particolarmente complessi e di introdurre nuove tecniche per la formazione dei medici.

In quanto al mercato dei beni di consumo, Gartner stima che entro il 2021 un quinto delle prime cento aziende del settore userà la stampa 3D per creare prodotti personalizzati. In questo campo l'additive manufacturing si è già diffuso come strumento per la prototipazione rapida e per ridurre l'intervallo tra la prima concezione e la produzione di un nuovo prodotto. Il passo successivo è estendere l'uso della stampa 3D come mezzo per avere personalizzazioni specifiche, ridurre gli inventari e avvicinare la produzione ai clienti finali. Questo non vuol dire che la stampa 3D può sostituire le tecniche classiche per la produzione di massa, ma secondo Gartner ci sono casi in cui l'uso dell'additive manufacturing acquista un senso economico.

stampa 3d medicale

L'affermazione progressiva della stampa 3D può avvenire solo se aziende anche molto consolidate nei loro settori di mercato sono disposte a mettere in discussione i modelli di business classici. Questo non è sempre facile e secondo Gartner richiederà approcci per loro nuovi. Ad esempio gli analisti stimano che il 20 percento delle aziende darà vita, sempre entro il 2021, a startup interne con lo scopo specifico di sviluppare nuovi prodotti e servizi basati sulla stampa 3D. Lo hanno già fatto, tra le altre, Airbus, BASF e GE.

In particolare nel manufacturing, Gartner stima poi che il 40 percento delle aziende creerà centri di eccellenza legati al 3D printing. Questi centri studiano come introdurre la stampa 3D nei principali processi di business dell'azienda, adattandoli alle sue esigenze e identificando le metriche che esplicitano i benefici effettivamente apportati dall'additive manufacturing.
Pubblicato il: 13/12/2017

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud