Logo ImpresaCity.it

Con AssoBIM la filiera del BIM ha una sua associazione

Gli operatori italiani del Building Information Modeling vogliono spingere le nuove tecnologie per la progettazione, peraltro obbligatorie entro pochi anni

Redazione Impresacity

Il Building Information Modeling questo sconosciuto? Per ingegneri e progettisti italiani il problema ormai non si pone più: le realtà attente all'innovazione hanno molto probabilmente già considerato il salto (metaforico) dal CAD al BIM, ci ha pensato il nuovo Codice Appalti a rendere le tecnologie afferenti al BIM obbligatorie per chiunque. Ovviamente con gradualità: da inizio 2019 per le opere con base di gara da 100 milioni di euro in su e poi, a passi successivi, per valori progressivamente inferiori sino a comprendere a inizio 2025 tutte le opere.

Si tratta di una evoluzione significativa che coinvolge un gran numero di figure (committenti, progettisti, costruttori, manutentori, enti pubblici...) e che impone la diffusione di una maggiore conoscenza sia sulle tematiche del BIM sia sulla filiera delle realtà che possono fornire competenze e soluzioni. Per questo è nata AssoBIM, associazione che riunisce diverse entità collegate al mondo BIM (per ora 15, ma il numero è destinato a crescere) e che si pone come primo obiettivo spingere la crescita di un approccio che è tra i principali driver per il futuro dell'edilizia.

AssoBIM ha intenzione anche di giocare un ruolo importante nello sviluppo della legislazione legata al BIM e più in generale alla elaborazione delle norme collegate al Building Information Modeling, in qualsiasi ambito. Si va dalla definizione degli standard a quella delle figure professionali specifiche, elemento questo che richiama anche la questione delle certificazioni.

I soci fondatori di AssoBIM sono Anafyo, BIMobject, Contec Ingegneria, DVA - Bimfactory, Edilclima, Graphisoft, Lemsys, Logical Soft, MC4Software, OneTeam, PlusArch, Progetto CMR, STA Data, Servizi Tecnici B&G, STR - Team System. La presidenza dell'associazione è stata affidata ad Adriano Castagnone di STA Data.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 30/11/2017

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito