Logo ImpresaCity.it

Vodafone e Huawei testano il 5G dual-band a Milano

Al Vodafone Village completati i primi test di una rete end-to-end che utilizza bande diverse per download e upload

Francesco Pignatelli

Vodafone e Huawei hanno completato i test di una rete 5G, pre-standard ma completa in tutte le sue parti (RAN, core e terminali), che utilizza contemporaneamente due frequenze differenti in modo da aumentare le prestazioni ed estendere il raggio di copertura nella comunicazione dati. I test sono stati condotti a Milano dopo che, spiegano le due società, il Ministero per lo Sviluppo Economico ha reso disponibili le frequenze necessarie nella banda dei 3,7 GHz.

Operare ad alta frequenza permette tra l'altro di connettere un gran numero di utenti ma ha lo svantaggio di limitare il raggio di copertura della rete. Usare frequenze più basse porta al problema opposto: la copertura è più estesa ma ci sono meno possibilità di connessione. La collaborazione Tra Vodafone e Huawei ha portato a un approccio diverso: per aumentare la copertura alle alte frequenze, il downlink e l’uplink da/verso i dispositivi mobili sono stati "separati" in modo da operare a due frequenze diverse.

Questa possibilità - tecnicamente denominata uplink & downlink decoupling - farà parte dello standard definitivo del 5G. I test servono anche per maturare l'esperienza necessaria a implementarla subito e correttamente una volta che lo standard sarà ratificato.

Per verificare i vantaggi portati dal disaccoppiamento delle trasmissioni, Vodafone ha definito due scenari d'uso. Sulla stessa banda ad alta frequenza sono state testate trasmissioni a vari Gbps con e senza disaccoppiamento. Nel secondo scenario il downlink ha usato una banda di frequenza più alta rispetto a quella usata dall'uplink, mostrando miglioramenti sino a 10 dB nella copertura 5G.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 24/11/2017

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito