Logo ImpresaCity.it

Quantum computing: da Intel un chip con 17 qubit

Passi avanti sulla strada del quantum computing, grazie a un nuovo chip con più qubit e più stabilità

Redazione

Lo sviluppo del quantum computing segue diversi fronti ma il limite fondamentale resta sempre lo stesso: la realizzazione di chip che contengano un numero più elevato di qubit - l'unità di elaborazione base del computing quantistico - e che consentano di utilizzarli con relativa semplicità. I qubit sono infatti elementi molto instabili che devono operare a temperature vicine allo zero assoluto e qualsiasi interferenza fra loro o con l'ambiente circostante porta a una perdita di dati.

Ora Intel ha fatto un importante passo avanti in questo sviluppo presentando un nuovo chip che contiene ben 17 qubit e che è stato creato con una architettura innovativa per aumentare le prestazioni dei sistemi quantistici. Il chip ora sarà usato dall'olandese QuTech, che insieme a Intel porta avanti alcune ricerche sul quantum computing. Intel ha tra l'altro sottolineato che ora è in grado di produrre "con regolarità" chip contenenti quibit per il quantum computing.

Quello appena presentato dispone di una nuova architettura interna che riduce le interferenze radio tra i qubit e ne migliora l'affidabilità. Ha anche un nuovo sistema di connettori in oro che lo collegano ai sistemi esterni, sistema che permette di trasmettere da dieci a cento volte più segnali da e verso i qubit rispetto ai chip convenzionali analoghi. Intel ha anche lavorato per adattare i suoi processi e i materiali per il packaging ai chip quantistici, che sono realizzati con processi a scala molto maggiore rispetto ai processori tradizionali.

QuTech userà il nuovo chip per testare il funzionamento in parallelo di più qubit e in generale per lo sviluppo di uno stack completo di componenti per il quantum computing. Non solo chip, quindi, ma anche software e applicazioni. Da parte sua Intel mira anche a sviluppare chip con forme diverse di qubit, in particolare gli spin qubit che - si spera - potranno essere prodotti con processi simili a quelli usati per la produzione di transistor.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 11/10/2017

Speciali

Speciali

Gli ERP nell’era della trasformazione digitale

Speciali

NetApp Data Driven Academy