Dalla UE una nuova spinta all'idrogeno, con l'Italia protagonista

Otto progetti italiani saranno finanziati dal primo IPCEI UE focalizzato sullo sviluppo delle tecnologie collegate all'utilizzo dell'idrogeno come fonte energetica

Tecnologie

La Commissione europea sostiene fermamente l'idrogeno "pulito" come un modo per ridurre le emissioni di gas serra. L'idrogeno può essere utilizzato per trasportare e immagazzinare energia, come combustibile e come materia prima energetica. Non emette CO2 e non genera quasi nessun inquinamento atmosferico quando viene utilizzato. Pertanto, l'idrogeno pulito (o verde) può aiutare a decarbonizzare le industrie ad alta intensità energetica, il settore dei trasporti e il settore energetico. Ma le tecnologie dell'idrogeno devono diventare più mature e, soprattutto, lo sviluppo dell'idrogeno deve raggiungere una scala molto più ampia e la sua produzione deve essere decarbonizzata.

Ecco perché, nel 2020, quasi tutti i Paesi dell'UE (Italia compresa) hanno firmato un manifesto aprendo la strada a una filiera dell'idrogeno più pulita. In questo scenario sono stati previsti alcuni IPCEI (Importanti progetti di comune interesse europeo) per il settore dell'idrogeno. Il modello IPCEI dell'UE è essenziale, perché molti progetti di ricerca e sviluppo su larga scala nelle nuove tecnologie sono spesso sottofinanziati. Non possono essere sostenuti dal mercato, semplicemente perché non c'è ancora mercato a cui rivolgersi, e falliscono. Gli IPCEI, invece, possono essere aiutati dai finanziamenti dell'UE.

Ora la Commissione Ue ha dato il via libera a un investimento di 5,4 miliardi di euro per il primo IPCEI a idrogeno: Hydrogen Technology o Hy2Tech. Gran parte di questi fondi (1 miliardo di euro) sono stati destinati a progetti italiani. Più precisamente, la Commissione ha selezionato sei progetti industriali di imprese italiane (Alstom, Ansaldo, De Nora/Snam, Enel, Fincantieri, Iveco) e due progetti di ricerca (di ENEA e Fondazione Bruno Kessler - FBK).

A cosa serviranno i fondi

La partecipazione dell’ENEA e degli altri partner italiani al progetto IPCEI Hy2Tech consentirà al nostro Paese di sfruttare le considerevoli opportunità derivanti dall’utilizzo dell’idrogeno nei diversi settori applicativi, quali industria, trasporti, civile e residenziale, quest’ultimo in blending con gas naturale”, ha commentato il Presidente dell’ENEA Gilberto Dialuce in merito all’approvazione dei progetti italiani.

Le parole di Dialuce danno una indicazione sulle direzioni che prenderanno i progetti di ricerca applicata che usufruiranno dei fondi europei. Peraltro, ENEA ha già spiegato cosa intende fare: il progetto ENEA vuole colmare il gap tra lo sviluppo di tecnologie innovative in laboratorio e il livello di impianto pilota, supportando l’industria nella fase di prima industrializzazione. ENEA opererà con attività di ricerca, innovazione, dimostrazione per favorire lo sviluppo e la riduzione dei costi dei processi produttivi e delle tecnologie stesse attraverso la realizzazione di pilot line, infrastrutture e laboratori avanzati e con un elevato livello di automazione.

Nel Centro Ricerche ENEA della Casaccia (Roma), dove è in costruzione una hydrogen valley dimostrativa, saranno realizzate 4 pilot line: sviluppo di componenti e sistemi per produzione, trasporto e distribuzione dell’idrogeno; celle a combustibile; power train a fuel cell; integrazione in diverse applicazioni della mobilità. Le pilot line si pongono come un anello di congiunzione tra ricerca e industria per dare impulso al trasferimento tecnologico e all'industrializzazione di prototipi di laboratorio”, ha spiegato Giorgio Graditi, Direttore del Dipartimento ENEA di Tecnologie energetiche e fonti rinnovabili.

Creare ecosistemi di aziende

Enel si muove sulla falsariga di ENEA. I fondi europei, infatti, andranno a finanziare lo Hydrogen Industrial Lab di Enel Green Power, un laboratorio d’innovazione su scala industriale che sorgerà in Sicilia tra i Comuni di Sortino e Carlentini (SR). Il laboratorio comprenderà un sistema di elettrolisi da 4 MW che fungerà da riferimento per le tecnologie innovative. “Proprio come la Silicon Valley è il posto migliore per il digitale, l'Etna Valley sta diventando la Energy Valley, ovvero il posto migliore per la rivoluzione energetica mondiale”, ha commentato Ernesto Ciorra, Chief Innovability officer di Enel.

Questo anche perché l’obiettivo delle iniziative Enel è anche creare un ecosistema di aziende che insieme lavoreranno allo sviluppo, alla sperimentazione e alla validazione sul campo delle nuove tecnologie di produzione e stoccaggio di idrogeno verde. In questo senso il nuovo laboratorio è visto come “un'infrastruttura unica in grado di connettere fornitori di tecnologia, partner industriali, system integrator, centri di ricerca, venture capitalist e startup di tutto il mondo”, ha spiegato sempre Ciorra.Da parte loro, Fondazione Bruno Kessler e Green Energy Storage svilupperanno invece batterie di nuova generazione, sistemi di accumulo di energia innovativi che impiegheranno elettroliti non tossici, sostenibili e a basso costo. Il risultato finale del progetto sarà una serie di componenti tecnologici legati a batterie a flusso e batterie della quarta e quinta generazione, oltre a un prototipo innovativo da 50 kW / 200 kWh per applicazioni sia stazionarie per lo stoccaggio di energia proveniente dalle rinnovabili, sia per l’utilizzo nella mobilità. Le attività si concentreranno anche sullo studio di nuovi design di celle e sistemi di accumulo che mirino a ridurre costi e ingombro, aumentare la sicurezza e migliorare la sostenibilità ambientale.

Obiettivo green mobility

Cosa faranno le altre aziende coinvolte non è stato spiegato con altrettanto dettaglio, ma lo si intuisce da quanto hanno già fatto in precedenza. Alstom, ad esempio, ha già predisposto versioni a idrogeno per la sua linea di treni regionali Coradia e Fincantieri ha già varato navi alimentate anche a idrogeno. Da qualche tempo Iveco e Air Liquide collaborano per accelerare lo sviluppo della mobilità dei veicoli pesanti a idrogeno. Questa partnership viene dopo la collaborazione che le due aziende hanno attivato nel progetto HyAMMED (Hydrogène à Aix-Marseille pour une Mobilité Ecologie et Durable) nel sud della Francia, per sviluppare la prima flotta europea di camion elettrici a celle a combustibile.

Lo scorso maggio Engie e Ansaldo Green Tech, società di Ansaldo Energia attiva nel campo delle energie rinnovabili e dello storage, hanno firmato un accordo per la realizzazione di impianti di produzione di idrogeno verde e di altre soluzioni di accumulo di energia in Italia. Engie si occuperà della progettazione e realizzazione degli impianti per la produzione di energia elettrica "green" e dell'integrazione dei sistemi di gestione della produzione e stoccaggio di idrogeno, mentre Ansaldo Green Tech realizzerà gli elettrolizzatori che, sfruttando l'energia elettrica da fonte rinnovabile, produrranno l'idrogeno da dedicare alle utenze finali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Internet of Things in Italia: Sviluppo e Novità

Monografia

La sostenibilità al centro

Speciale

Software Enterprise

Speciale

Veeam On Tour 2022

Webinar

Advanced Cluster Security: come si mette davvero al sicuro il cloud

Calendario Tutto

Set 14
ACRONIS - Imposta correttamente la tua strategia di Disaster Recovery
Ott 20
SAP NOW 2022

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter