F5: ecco quali sono le soluzioni di visibilità e sicurezza più gettonate

Conferme e sorprese nella nuova edizione del report State of Application Strategy

Tecnologie

Giunto alla sua ottava edizione, il report State of Application Strategy di F5 rileva quali siano le principali sfide da affrontare nel percorso di trasformazione delle infrastrutture IT per poter fornire e proteggere servizi digitali oggi integrati in tutte le attività quotidiane.

La principale difficoltà evidenziata quest’anno nel report, che ha coinvolto 1.500 decisori in ambito IT in tutto il mondo, è garantire la visibilità nei diversi ambienti, indicata come sfida di grande portata in particolare per chi effettua deployment di applicazioni su cloud multipli, e seguita a breve distanza dalla difficoltà di supportare una sicurezza coerente.

Per affrontare queste sfide, il 90% delle organizzazioni prevede di implementare soluzioni basate su intelligenza artificiale e machine learning, così da soddisfare meglio le esigenze dei clienti e fare emergere insights preziosi. Tuttavia, un'intelligenza artificiale efficace richiede trasparenza, integrazione e governance dei dati migliori rispetto a quanto è oggi a nostra disposizione.

La ricerca identifica inoltre nel site reliability engineering (SRE), l’approccio di ingegneria del software alle operazioni IT che prevede l'uso da parte dei team di software per la gestione dei sistemi e l'automazione di tali operazioni, un elemento chiave per affrontare le sfide. Il 77% degli intervistati adotta già un approccio SRE per le proprie applicazioni e sistemi, ma l'architettura aziendale dovrebbe evolversi in parallelo per supportare modelli distribuiti e incentrati sull'applicazione.


Di seguito, sono riportati le sei principali tendenze emerse dalla ricerca, che vede al primo posto il fatto che la modernizzazione si sta estendendo ai processi di back-office - Più di due terzi delle organizzazioni si rende conto che la creazione di interazioni digitali migliori per i clienti richiede la modernizzazione dei processi aziendali e delle funzioni di back-office. Il mancato o lento utilizzo dei dati necessari per reperire materie prime, assumere dipendenti, pianificare la produzione o completare altre attività di supporto può danneggiare la relazione con i clienti, ritardare il time-to-market di nuovi prodotti e soluzioni e danneggiare i profitti.

È in atto la convergenza tra IT e OT - Si tratta di un risultato correlato, gli intervistati considerano la convergenza dei sistemi IT e di tecnologia operativa (OT) come lo sviluppo più entusiasmante dei prossimi anni. L'integrazione dei sistemi OT che gestiscono le operazioni industriali e aziendali con i sistemi IT incentrati sui dati aiuterà a chiudere il ciclo di automazione e a rendere le aziende digitali più adattive, in modo da anticipare e rispondere meglio ai mutevoli interessi dei clienti e alle condizioni di mercato.

A quasi tutte le organizzazioni mancano insight strategici - Il 95% degli intervistati ha in programma di estrarre dati operativi per ottenere insight che li aiutino a migliorare l'esperienza del cliente e promuovere la crescita aziendale. Tuttavia, il 98% delle organizzazioni dichiara di non essere attualmente in grado di estrarre tali informazioni dai sistemi esistenti. Anche con un uso esteso dell’AI e dell’ML, sono ancora molte le aziende alle quali mancano il personale o le capacità per identificare con successo quali siano i dati rilevanti e quindi capitalizzare su di essi.

Una complessità sempre più difficile da sostenere - Con il 93% degli intervistati che utilizza soluzioni as-a-Service basate sul cloud e l'84% che pianifica di spostare i carichi di lavoro all'edge, le sfide oggi vanno dalla sovrapposizione delle policy di sicurezza e dalla frammentazione dei dati, all'implementazione di soluzioni puntuali che aggiungono ulteriore complessità, aumentando la fragilità o influendo negativamente sulle prestazioni dei sistemi. Una presenza più ampia delle app in tutta l'infrastruttura comporta che i servizi per la sicurezza e la delivery delle app stesse non siano più vincolati al modello di distribuzione o alla posizione in cui si trovano le applicazioni: questo consente alle aziende di avere una maggiore flessibilità, ma incide sulla coerenza e può danneggiare l'esperienza dell'utente finale.

La sicurezza si evolve verso la gestione del rischio - Anche se la complessità ha aumentato il numero di potenziali point of failure, le prestazioni rimangono fondamentali, e oltre tre quarti degli intervistati (76%) dichiarano che, potendo scegliere, disattiverebbero le misure di sicurezza per migliorare le prestazioni. Gestire il rischio dal punto di vista di obiettivi concreti dimostra che le aziende stanno adottando un nuovo approccio e stanno contribuendo all’affermarsi di una sicurezza basata sull'identità, che superi la sicurezza delle app tradizionali garantendo allo stesso tempo una user experience più accattivante.

L’affermarsi della politica del rimpatrio - Le organizzazioni oggi gestiscono ogni tipologia di sistema, dalle applicazioni mobile container-native fino ai monoliti legacy che sono fondamentali per le operazioni aziendali. È significativo che oltre due terzi degli intervistati (67%) stia rimpatriando le applicazioni, ovvero spostandole di nuovo dal cloud a un ambiente data center, o pianificando di farlo nei prossimi 12 mesi. Un dato che ha visto un incremento significativo rispetto al 27% dell'anno precedente.


"Gli sforzi di trasformazione digitale hanno subito una accelerazione significativa negli ultimi due anni e non vediamo segnali di un possibile rallentamento. La nostra ricerca mostra che un'organizzazione oggi gestisce in media centinaia di applicazioni distribuite su data center, cloud multipli e all’edge, e adotta più di 20 diverse tecnologie per la sicurezza e la delivery delle app. Con un portfolio così in crescita e sempre più distribuito, le organizzazioni ricercano sicurezza coerente, visibilità end-to-end e maggiore automazione nelle implementazioni delle loro app per ridurre la complessità e accrescere in modo continuo il valore per i clienti, semplificare le operazioni, cogliere nuove opportunità e rispondere alle minacce emergenti in tempo reale", commenta Kara Sprague, EVP e GM, App Delivery di F5.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect e Open Source Day

Download

La nuova cyber security: cosa ne pensano i CISO italiani

Speciale

Internet of Things in Italia: Sviluppo e Novità

Monografia

La sostenibilità al centro

Speciale

Software Enterprise

Calendario Tutto

Feb 16
Commvault Connections on the Road | Milano
Mar 22
IDC Future of Work
Giu 08
MSP DAY 2023 - 8/9 Giugno

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter