Ricoh, investimenti e flessibilità per il lavoro ibrido: a che punto siamo? 

Secondo una ricerca, anche nel nostro Paese i dipendenti vorrebbero tecnologie specifiche per l’hybrid working, ma le aziende faticano a stare al passo con le esigenze in continua evoluzione 

Trasformazione Digitale Mercato e Lavoro

Una nuova ricerca Ricoh mette in evidenza come i dipendenti delle imprese del nostro Paese vorrebbero poter disporre di tecnologie in grado di supportare nuove modalità operative, ma le aziende faticano a stare al passo con le esigenze in continua evoluzione.

Secondo la ricerca, condotta da Opinium per Ricoh Europe coinvolgendo 500 lavoratori del nostro Paese, solo il 21% del campione afferma che nella propria azienda sono state adottate strategie per l’hybrid working. Inoltre, l'inadeguatezza delle tecnologie e degli spazi a supporto della collaboration sta frenando l’implementazione di modalità operative più agili e innovative.



Meno della metà degli intervistati, il 47%, ha riscontrato un incremento delle soluzioni per la comunicazione presenti nelle sale riunioni. Inoltre, un intervistato su quattro (27%) afferma che gli spazi per la collaborazione all'interno dell'ufficio sono diminuiti. Solo il 37% ritiene che siano state rafforzate le misure a tutela della salute, per esempio introducendo Smart Locker che permettono il ritiro degli asset IT senza dover interagire con altri colleghi di persona.

Questa situazione potrebbe fungere da deterrente per i dipendenti che desiderano tornare in ufficio, scoraggiando coloro che vorrebbero lavorare in presenza con regolarità. Le conseguenze sono negative anche in un’ottica di produttività e di capacità delle aziende di attrarre e trattenere i talenti in cerca di flessibilità e di ambienti di lavoro smart. In un momento in cui le aziende hanno bisogno di talenti più che mai, un terzo degli intervistati (34%) riceve pressioni da parte del proprio manager affinché rientri in ufficio. Oltre la metà (55%), è convinto che per quest’anno la scelta di lavorare in presenza debba essere lasciata all’individuo. Le politiche relative al lavoro ibrido dovrebbero trovare un equilibrio tra le esigenze dell’azienda e quelle delle persone.

Durante la pandemia la fiducia che i manager ripongono nei confronti dei propri collaboratori è nettamente aumentata. Infatti, il 60% del campione di indagine ritiene che i business leader credano nella capacità delle persone di mantenere motivazione e produttività anche quando lavorano da casa, un dato che migliora del 17% rispetto a un analogo sondaggio condotto nel 2021.

Dopo due anni di restrizioni e allentamenti continui, il modo di lavorare è cambiato e continua ad evolversi. Le persone si aspettano che le aziende guidino questa trasformazione in modo concreto proprio a partire dal workplace. La ricerca mette in evidenza come i dipendenti siano riusciti a costruire un rapporto di fiducia con i propri manager. Realizzare ambienti di lavoro ibrido è dunque ora fondamentale. Sebbene lavorare in team in presenza porti indubbi benefici, l’hybrid working caratterizzerà il nostro futuro. Concentrarsi oggi su questo ambito, significa dunque investire nel futuro per aumentare la produttività e trattenere i talenti”, commenta David Mills, CEO di Ricoh Europe.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect e Open Source Day

Download

La nuova cyber security: cosa ne pensano i CISO italiani

Speciale

Internet of Things in Italia: Sviluppo e Novità

Monografia

La sostenibilità al centro

Speciale

Software Enterprise

Calendario Tutto

Feb 16
Commvault Connections on the Road | Milano
Mar 22
IDC Future of Work
Giu 08
MSP DAY 2023 - 8/9 Giugno

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter