Il futuro sempre connesso del 5G

Il 5G non è solo più prestazioni: una connettività performante e pervasiva può cambiare sensibilmente il nostro modo di lavorare

Tecnologie

Il 5G sta ormai diventando un tema ricorrente, riconosciuto quasi come una parte integrante della (al momento ancora futura, per molti) esperienza anche quotidiana. I numeri, d'altronde, sono di tutto rilievo: secondo IDC il numero di connessioni 5G arriverà a più di un miliardo entro il 2023, quando nel 2019 erano 10 milioni. Secondo molti dei vendor tecnologici che, in vario modo, operano con il 5G c'è un elemento chiave che va considerato forse più di quanto non accada normalmente: una connettività allo stesso tempo performante e pervasiva cambia sensibilmente il modo di lavorare e condividere informazioni. Ne abbiamo parlato con Livio Pisciotta, Sales Manager Client Solutions di Dell Technologies Italia

Dici 5G e vengono subito in mente smartphone e streaming video. Ma per le aziende cosa può essere il 5G?
Il 5G è più "veloce", sì, ma non è solo questo. Alcune fonti lo descrivono addirittura come 10 volte più veloce del 4G e certo, scaricare un film in pochi secondi in vista di un lungo viaggio ci rende molto felici. Ma difficilmente sarà questa la killer application che ne guiderà l’adozione di massa. La svolta ci sarà quando le organizzazioni capiranno come fare leva su tutto il potenziale del 5G: maggiore sicurezza, aumento della larghezza di banda e riduzione della latenza.

Più banda e meno latenza significa che le comunicazioni appaiono genericamente più veloci. Più tecnicamente, che vantaggi questa evoluzione combinata presenta per le imprese?
Una maggiore ampiezza di banda permette ai dipendenti di ottimizzare i tempi nelle loro operazioni di trasferimento file. Attenzione a non confondere però l’ampiezza di banda con la velocità. L’ampiezza di banda misura quante informazioni possono essere inviate o ricevute contemporaneamente e, se pensiamo alla necessità di dover condividere file con grandi quantità di dati come CAD, BIM e 3D, capiamo che, ancora una volta il 5G può fare la differenza.

La latenza è la chiave per raggiungere performance da "tempo reale". La latenza ridotta del 5G è fondamentale per prendere decisioni sensibili al fattore tempo. Pensiamo a chi opera nell’ambito delle emergenze: la connessione ininterrotta da luoghi remoti è fondamentale per chi è impegnato in operazioni di soccorso. O ancora nella tele-chirurgia, quando medico e paziente non possono trovarsi nello stesso luogo. Ma sono certo che il 5G si diffonderà presto anche nel settore della finanza, non appena i player individueranno il modo di utilizzarlo per offrire prodotti e servizi migliori.

Tutti sempre più connessi, quindi sempre più vulnerabili...
Se parliamo dalla sicurezza, il 5G è dotato di una crittografia a 256 bit, ovvero più sicura rispetto alla crittografia a 128 bit del 4G. L’utilizzo del 5G offre esperienze più sicure rispetto ai network pubblici di Wi-Fi come quelli che si trovano negli aeroporti, negli hotel e nelle caffetterie, più esposti a cyber attacchi come ransomware e hacking. Per chiunque, ma soprattutto per chi deve utilizzare queste reti per lavoro, l’aspetto della sicurezza è fondamentale.Il 5G post-pandemia può portare la rivincita dei notebok nei confronti di chi, tempo addietro, immaginava potessimo fare tutto, anche in azienda, via smartphone?
Noi stiamo puntando molto sui laptop abilitati al 5G come punto di partenza per tutte quelle organizzazioni che vogliono costruire un futuro sempre connesso, migliorando le performance, la produttività e la collaborazione. A settembre dell’anno scorso abbiamo infatti annunciato il primo laptop aziendale che fornisce una connessione 5G. Certo, nel lavoro di progettazione, i nostri ingegneri e specialisti di software devono tenere conto dell’affermarsi di un nuovo modello di lavoro che possiamo definire di "hybrid work lifestyle".

La nostra risposta a queste nuove necessità si traduce in una offerta di dispositivi leggeri e di alta qualità, che integrano funzionalità intelligenti. Penso ad esempio a Dell Optimizer, il software di ottimizzazione integrato e basato su Intelligenza Artificiale in grado di apprendere dal nostro modo di lavorare. Questo, combinato con ExpressConnect, la funzionalità che individua la migliore rete disponibile a cui collegarsi, in modo da avere meno interruzioni durante la giornata lavorativa, è fondamentale per dare il massimo supporto a una forza lavoro sempre più nomade. E questi sono solo degli esempi, a cui si aggiungono una serie di opzioni di connettività che siamo in grado di offrire, sempre l’obiettivo di rendere più semplice e sicuro il lavoro da remoto .

Inoltre, perchè la connettività sia un’opzione davvero affidabile a livello globale, ci stiamo focalizzando sulla definizione di alcune partnership globali che, per quanto concerne le reti 5G, ci permettano di affrontare anche le specifiche realtà regionali. Di una cosa infatti siamo certi: gli ultimi 18 mesi hanno ridefinito il significato della parola “connettere”. Guardando avanti, la connettività interpersonale e tecnologica continuerà a giocare un ruolo fondamentale nel modo in cui il futuro del mondo del lavoro si evolverà.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Advanced Cluster Security: come si mette davvero al sicuro il cloud

Download

Le regole del multicloud

Speciale

Il digitale nella Sanità: nuove frontiere per nuove esigenze

Speciale

L’AI nelle aziende: intelligenza in crescita

Monografia

Cyber Security: l’azienda al sicuro

Calendario Tutto

Giu 30
Più semplice, veloce e sicura: scopri le novità della soluzione di Managed File Transfer GoAnywhere

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter