Palo Alto Networks: dalle aziende italiane segnali incoraggianti per la sicurezza IoT

Il 98% delle organizzazioni italiane coinvolte ha visibilità sui dispositivi IoT connessi alla rete aziendale, anche se il lavoro da remoto ha fatto aumentare vulnerabilità e incidenti

Sicurezza Cloud
È arrivata alla seconda edizione la ricerca “The Connected Enterprise: IoT Security Report 2021” di Palo Alto Networks, dalla quale è emerso tra l’altro che il 92% delle imprese italiane ha rilevato un incremento nel numero di dispositivi IoT connessi alla rete aziendale, dato più elevato in Emea, con l’Italia seguita da Francia (91%), Spagna (89%), Germania e Gran Bretagna (entrambe 80%).  

Dalla ricerca, realizzata in collaborazione con Vanson Bourne, la ricerca ha coinvolto 1.900 decisori IT in 18 Paesi tra i quali l’Italia, dove sono state interpellate 100 persone IT di aziende con oltre 1.000 dipendenti, è inoltre emerso che l’aumento dei dispositivi in rete ha causato anche un incremento degli incidenti di sicurezza IoT (79%) e delle vulnerabilità (86%) percentuali di poco più elevate rispetto alla media in Emea, pari al 75% e 82%, con il 60% dei manager italiani che ritiene le normative di sicurezza IoT non in grado di tenere il passo con il numero di device connessi, anche se il 98% è sicuro di avere visibilità sui dispositivi.

Non solo: in base ai dati raccolti, gli incidenti di sicurezza IoT più temuti dagli IT decision maker italiani sono: violazione dei dispositivi di Industrial IoT (IIoT) (57%), attacchi DDoS (54%) e breach dei dispositivi di Internet of Medical Things (IoMT) (42%). La consapevolezza sta aumentando e i manager sanno di dover agire, e il 98%, con dispositivi IoT connessi alla rete aziendale, ritiene necessari ulteriori miglioramenti all’approccio di sicurezza IoT per continuare a incrementare il livello di protezione ed evitare i tanto temuti attacchi. Tra i requisiti necessari segnalati dagli intervistati è emersa l’esigenza di creare ambienti dedicati ai dispositivi IoT per i team di sicurezza (56%), attività di risk assessment (54%) e di protezione dalle minacce (52%).

I risultati emersi dalla ricerca in Italia sono incoraggianti, con aziende abbastanza preparate o con piani in via di definizione,” sottolinea Mauro Palmigiani, country manager di Palo Alto Networks Italia, Grecia e Malta. “Il 50% delle imprese ha dichiarato infatti di aver segmentato i device IoT su una rete separata da quella utilizzata per i dispositivi primari e le applicazioni aziendali chiave, mentre per un ulteriore 32% si parla di micro-segmentazione, con le rispettive zone di sicurezza strettamente controllate. È un segnale di elevata consapevolezza dei rischi potenziali che questi device potrebbero causare e dell’implementazione di una corretta strategia per prevenirli.”

L’esplosione del lavoro da remoto ha favorito l’ingresso improvviso di un numero elevato di nuovi dispositivi IoT in azienda, aumentando il livello di rischio per le organizzazioni,” continua Umberto Pirovano, Senior Manager System Engineering di Palo Alto Networks. “È fondamentale continuare a sottolineare l’importanza della definizione di un piano di sicurezza IoT per far sì che anche il restante 18% delle aziende proceda con la segmentazione della rete e incrementi ulteriormente visibilità e protezione dei dispositivi, riducendo rischi e vulnerabilità.”
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

E-Book

Le regole dell’ufficio ibrido

Calendario Tutto

Nov 30
WEBINAR FLOWEE - Incrementa il business dei tuoi clienti grazie ai processi collaborativi e alla gestione documentale di Flowee Pratica Digitale
Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori