Manghi (AD Cisco): persone e tecnologia per un mondo digitale ‘sostenibile’

’Il nuovo Amministratore Delegato della filiale italiana presenta piani di sviluppo in continuità con il passato, proiettati verso il futuro. Un momento di riflessione con anche una vista sulle ultime novità tecnologiche presentate a Cisco Live

Sicurezza Trasformazione Digitale Cloud
A un mese dalla nomina a guida della filiale di Cisco, Gianmatteo Manghi si presenta alla stampa. Prende l’eredità lasciata da Agostino Santoni (nominato  Vice Presidente di Cisco Sud Europa) e prosegue nel solco della continuità, aprendo un nuovo capitolo della filiale italiana.
Un battesimo nel ruolo di Amministratore Delegato della filiale italiana di quella azienda che conosce molto bene, lavorandoci da ben 21 anni. Un ventennio che ha visto molti cambiamenti e trasformazioni tecnologiche: “Molto è cambiato sia nello scenario mondiale sia in quello aziendale. Cisco ha continuato a crescere facendo leva su due elementi centrali, sempre molto saldi nel tempo e su cui imposta da sempre la propria strategia aziendale: le persone e l’innovazione tecnologica”, afferma Manghi.
In questi ultimi 12 mesi, così anomali e ‘disrutptive’, Cisco Italia ha assunto 50 persone, portato a termine l’acquisizione dell’italiana Fluidmesh Networks, azienda tecnologica italiana di Pisa operante nella settore IIoT e continuato a investire in innovazione: “E’ ciò che sappiamo fare molto bene e vogliamo continuare a fare,” rimarca Manghi, che prosegue: “Abbiamo di fronte il periodo di cambiamento più veloce del Millennio, per una serie di motivi: un’accelerazione spinta della Trasformazione Digitale che permea tutto, una fortissima e diffusa  sensibilità sul tema della sostenibilità e un quadro europeo pronto ad accelerare tutte le trasformazioni in atto e del quale l’Italia può beneficiarne molto”.
cisccostrategyE prosegue: "Come azienda che fa innovazione tecnologica e digitale Cisco è molto consapevole del  ruolo che può svolgere, contribuendo allo sviluppo economico e sociale sostenibile – aderendo e cercando di realizzare la propria missione di dare vita a un futuro inclusivo per tutti con grande responsabilità. Nel prossimo triennio potrebbe accadere ciò che nel passato accadeva in un decennio e vogliamo dare il nostro contributo ed essere protagonisti”.

Tre pilastri strategici portanti
Come racconta Manghi la strategia aziendale poggia su tre pilastri portanti: persone e comunità; trasformazione cloud e software; transizione Green & Blue (tecnologica e digitale).
E li declina. “Le persone sono il segreto del nostro successo: se ci prendiamo cura delle nostre persone, loro si prendono cura della missione aziendale”, sostiene.gianmatteo manghi
Gianmatteo Manghi, Amministratore delegato di Cisco Italia
Per sei anni consecutivi Cisco Italia è stato riconosciuto come ‘Best place to work’ nella categoria tra 150 e 500 dipendenti. Numerose le iniziative sviluppate per consentire alle persone di esprimere appieno i loro talenti e le loro competenze, cercando di trovare un equilibrio tra impegni ed esigenze personali e professionali, tra cui: un giorno aggiuntivo di ferie lo scorso marzo; cinque giorni all’anno per fare volontariato; un ‘flexible benefit’ del valore di 900 euro all’anno per dipendente per fare ciò che più li appassiona (teatro, sport, formazione, …); una serie di seminari per fornire assistenza psicologica ai dipendenti e ai loro familiari in un momento pieno di incertezza: “Laddove si riesce a creare un ambiente in cui si lavora bene, si sviluppano competenze e le persone  collaborano e si aiutano reciprocamente i risultati come contributo alla società non possono che arrivare, per il sistema economico ma anche in termini di sostenibilità".
Le iniziative nei confronti della comunità da parte di Cisco vedono il vendor impegnato nel recuperare e arricchire il senso dell’attività di impresa e avere un impatto positivo sulla società e sull’economia: “Per farlo è importante restituire qualcosa alle comunità che ci consentono ogni giorno di fare bene il nostro lavoro: le persone ce lo chiedono e i clienti lo apprezzano e vogliono anch’essi  partecipare”.
In questo senso, da segnalare il contributo di Cisco alla dotazione digitale del Palazzo delle Scintille in Fiera di Milano Città, con l’obiettivo di creare il più grande centro vaccinale della Lombardia in grado di vaccinare fino a 10 mila persone al giorno: “In questo caso, la tecnologia è utilizzata per consentire un’affluenza sicura delle persone, la registrazione delle dosi, il controllo della loro conservazione e la verifica dei flussi di persone per evitare gli assembramenti”, spiega Manghi.
Prosegue inoltre l’investimento nell’iniziativa Cisco Network Academy, ad oggi 345, in grado di formare oltre 50 mila persone l’anno. Alcune sono abilitate in molte carceri italiane, tra cui Bollate e  Secondigliano a cui si aggiungeranno a breve Monza e il carcere minorile Beccaria a Milano, il tutto in collaborazione con la Cooperativa Universo: “Le persone certificate sulle tecnologie Cisco hanno una recidiva pari a zero, contro una media del 70%; inoltre molte persone con una lunga pena da scontare sono diventati docenti”, racconta Manghi.
Intenso l’impegno anche nelle scuole: negli ultimi anni i volontari Cisco hanno incontrato oltre 30 mila studenti, docenti e genitori per condividere un approccio consapevole e sicuro al mondo di Internet.
Cisco inoltre ha permesso di dare assistenza sanitaria continuativa ai bambini con forti disabilità del Cottolengo Don Orione di Tortona: in questo periodo così particolare la dotazione tecnologica del vendor ha consentito di far fronte alla riduzione delle visite in presenza dei medici. Le tecnologie di Cisco hanno infatti collegato l’Ospedale di Alessandria con il Piccolo Cottolengo permettendo ai medici di fare attività di telemedicina con regolarità, per esempio abilitando l’uso di strumenti medicali sofisticati per effettuare elettrocardiogrammi, encefalogrammi, ….
ciscocloud&swDirezione Cloud e Software
Il secondo pilastro della strategia aziendale riguarda la trasformazione interna: “Con un anno di anticipo sul 2021 abbiamo raggiunto l’obiettivo di realizzare il 50% del nostro fatturato su software e servizi. Un obiettivo centrato nel 2020, esercizio chiuso lo scorso luglio, con il 51% del fatturato derivato da software e servizi – spiega Manghi. Accanto all’innovazione hardware abbiamo accelerato quella software per cogliere le opportunità di un mercato che cambia e per servire meglio i nostri clienti in termini di erogazione continuativa dell’innovazione, sicurezza e compliance. Una trasformazione legata anche al fatto che più della metà dei clienti si muove in logica ‘cloud first’, abbracciando molteplici cloud, pubblici e privati”.
La centralità del software e del cloud consente di accompagnare i clienti nel reinventare le applicazioni, rafforzare i team, trasformare le infrastrutture e mettere in sicurezza le imprese. E tutta l’innovazione tecnologica  del vendor – ricerca & sviluppo e acquisizioni  - punta ad abilitare questa trasformazione aderendo a quattro principali caratteristiche: capacità di connettere tutti gli elementi di un’architettura multi-cloud ibrida; capacità di governare e garantire la sicurezza dei dati (ovunque si trovino), delle reti, delle infrastrutture e delle applicazioni utilizzate nelle attività produttive – “Una complessità che deve essere gestita molto bene altrimenti gli obiettivi di efficienza e di flessibilità di una strategia cloud first diventano difficili da raggiungere”;  garantire un elevato livello di automazione: ”Già nello sviluppare le applicazioni è possibile stabilire la modalità con cui configurare la rete e le policy attraverso l’utilizzo di API”; garantire un’esperienza eccellente a clienti interni ed esterni nell’utilizzo di applicazioni digitali.

Dimensione Green&Blue: ecologica e digitale
Non ultimo, Cisco punta a essere protagonista, oggi e nel futuro, di un percorso di sviluppo e di progresso: “L’unico perseguibile per Cisco: quello che riesce a generare crescita economica e sociale sostenibile attraverso la Trasformazione Digitale. Solo così si garantisce una maggiore protezione dell’ambiente, modelli ispirati all’economia circolare e un uso di risorse rinnovabili. Due facce della stessa medaglia, che garantisce successo a medio e lungo termine”, chiarisce Manghi.
Un assunto confermato da fatti e dati: “In Italia nel 2020 le realtà che hanno intrapreso percorsi di  trasformazione digitale e sostenibilità sono cresciute del 20% in termini di fatturato; chi non lo ha fatto è cresciuto solo del 9%”.
E la trasformazione digitale abilita anche la sostenibilità:Non c’è nessun modo di aumentare la generazione rinnovabile se non digitalizzando la rete di distribuzione per mantenere in equilibrio domanda e offerta di energia”. La stessa Cisco ha deciso che il 100% dell’energia elettrica utilizzata deriverà da fonti rinnovabili: “Entro il 2025 ricicleremo tutta la nostra produzione e aiuteremo anche la Pubblica Amministrazione a farlo; un’occasione unica in quanto la PA governa moltissimi servizi pubblici - acqua, energia, trasporti, … - che possono trarre enormi miglioramenti attraverso la Trasformazione Digitale e a una maggiore sostenibilità.”
green&blue
Non ultima, la trasformazione del lavoro: “Per Cisco si baserà sulla libertà di scelta: nel futuro circa il 58% delle persone lavorerà almeno otto giorni al mese da remoto e vorrà avere tutti gli strumenti digitali affinché il lavoro sia di qualità e sicuro. Continueremo a investire in questa direzione, facendo si che anche quando il lavoro sarà in presenza sia migliore grazie all’utilizzo di strumenti digitali quando si utilizza la piattaforma di collaborazione WebEx", dice.
Il momento attuale è propizio: “Il PNRR – digitale e sostenibile - è un’occasione unica di enorme accelerazione: 220 miliardi di euro a disposizione del Belpaese, che fra tre anni consentirà di vivere un Paese nuovo e creare un progresso mai stato così veloce”, commenta.
Cisco è molto impegnata in questo senso e lo fa anche coinvolgendo sviluppatori, studenti, startupper, partner, …  
Proprio l’11 maggio è partita l’iniziativa Green & Blue Marathon, in collaborazione con Officine Italia e Codemotion. Una maratona di idee per la sostenibilità che si concluderà il 25 giugno, un vero e proprio hackathon che coinvolge i giovani talenti nel pensare e ideare il futuro in quattro aree: smart citizen, smart mobility, smart building, smart utility. Nuove idee per utilizzare il digitale e trasformare questi contesti in modo più sostenibile. E Cisco è pronta ad aiutarli a farlo.
Prosegue inoltre il progetto Digitaliani che in chiave Industria 4.0 può evolvere verso una maggiore sostenibilità: “Puntiamo a co-innovare con molteplici soggetti di mercato per rendere i processi non solo più efficienti e migliori in termini qualitativi ma anche più sostenibili. Di fronte a uno scenario sempre più complesso, caratterizzato da intere filiere industriali che si digitalizzano e un numero di sensori in crescita esponenziale servono infatti competenze molto verticali e di piattaforme orizzontali programmabili e aperte, per rendere più efficiente il tutto attraverso gli standard.”enrico mercandante1

Enrico Mercadante, Director, Architectures &Innovation, Cisco Southern Europe
Innovare il futuro: sei pilastri tecnologici
L’incontro con l’AD Italia è stata anche occasione per inquadrare le ultime novità tecnologiche aziendali presentate nel corso di Cisco Live, evento mondiale di lancio di nuove soluzioni e update tecnologici illutrate da Enrico Mercadante, Director, Architectures &Innovation, Cisco Southern Europe.
Cisco investe su sei principali pilastri tecnologici: creare reti sempre più agili, sicure e performanti; ottimizzare l’esperienza applicativa; abilitare il futuro del lavoro; fornire una sicurezza end-to-end; portare l’intelligenza verso l’edge della rete per essere più efficaci e sostenibili; costruire il futuro di Internet - “Per Cisco costruire l’Internet del futuro è una missione fondamentale: in questo senso le innovazioni sono concepite in logica software ma anche in termini di chip del futuro, capaci di supportare  la migrazione verso il 5G e le capacità di 20-25 terabit/sec, nonché in termini di semplificazione e sostenibilità”, sottolinea Mercatante.

Il futuro del lavoro ibrido, flessibile e sicuro
Per il futuro del lavoro, come già introdotto da Manghi, Cisco sta lavorando alla realizzazione di meeting ibridi, sicuri, integrati: “L’idea è quella di creare ambienti di lavoro ibridi, fisici e virtuali con accessi sicuri; soluzioni capaci di gestire la densità e la prossimità nello spazio lavorativo fisico, in cui la protezione è massima a tutti i livelli in termini di utenti, device, applicazioni e dati”, spiega il manager. Un’intelligenza in termini di smart building  in grado di coniugare al meglio la tecnologia di collaboration con infrastruttura di rete e sicurezza. Alla base di questa transizione c'è la piattaforma di Collaboration WebEx su cui sono state presentate molte innovazioni: trascrizione e traduzione dei meeting, soppressione automatica dei rumori di fondo grazie a funzionalità di AI, apertura verso altre soluzioni di produttività e collaboration via API, interfacce verso il mondo esterno. E guardando al nuovo modo di lavorare torna forte il tema dei dati da raccogliere e fare fruire al singolo utente, studiando le sue necessità e preferenze, per renderlo più umano  e sostenibile.
ciscopillartechInshigt e ambienti operativi efficaci
L’ottimizzazione delle applicazioni tiene conto del fatto che le applicazioni stanno migrando in modo molto accelerato verso il cloud: “Le applicazioni non sono più monolitiche, un codice unico, ma costruite da tanti pezzi frammentati di applicazioni, micro servizi su tanti cloud. L’infrastruttura multicloud ibrida app-centrica non è un luogo ma il nuovo modo di operare. La mole di dati generati dal 5G renderà il tutto ancora più complesso da governare. Fondamentale quindi tenere sotto controllo: connettività, sicurezza, resilienza (come continuità di business), ambienti operativi molto efficaci e inshigt”. E proprio su questi due ultimi punti che si innestano le principali novità di Cisco Live.
Oggi che le aziende dipendono in modo crescente dalle performance delle applicazioni per creare e sviluppare  business e per governare la complessità Cisco propone soluzioni che derivano da due recenti acquisizioni: Appdynamics per fornire informazioni su come si comportal’applicazione anche se parcellizzata su diversi cloud pubblici o privati e ThousandEyes per comprendere al meglio come arrivare alle applicazioni e se si verificano problemi sulla ‘tratta’ per arrivare alla fruizione di applicazioni in cloud senza problemi.
In relazione allo sviluppo di applicazioni, soprattutto in cloud, oggi queste necessitano di essere migliorate di continuo e tutto ciò ha un impatto diretto sul business: “Si sta affermando il paradigma del ‘continuous improvement & development’, per cui è richiesto un’automazione profonda soprattutto quando queste sono in parte su data center privati on premise e in parte su cloud pubblici". In questo senso Cisco ha creato la piattaforma Cisco Intershight in grado di offrire visualizzazione, ottimizzazione e orchestrazione intelligente per semplificare la gestione dell’infrastruttura e farla apparire agli sviluppatori delle applicazioni come se fosse codice, in modalità ‘Infrastructure as a code’. In questo scenario inoltre si innesta la partnership siglata di recente da Cisco con HashiCorp per la piattaforma Terraform Cloud per supportare l’istanziamento di questi comportamenti anche nel public cloud: “Il tutto per una soluzione comune in grado di permettere lo sviluppo veloce delle applicazioni ma anche l’adattamento delle infrastrutture sottostanti in modo dinamico”.
ciscoapp
La sicurezza è intrinseca: prodotti e persone
Non ultima, e molto strategica per il vendor è la sicurezza intrinseca in tutte le piattaforme e soluzioni aziendali in modo continuo. La sicurezza è concepita in tutta l’offerta, come si usa dire ‘by design’, a partire dalle reti: “Stiamo costruendo soluzioni di networking con sicurezza built-in, semplice, sicure, automatizzate, consumabili in modalità ‘as a service’: piattaforme unificate per fornire inshigts e automazione; e non solo, un intero portfolio per accelerare la transizione verso il cloud, il tutto garantendo connettività sicura.  E oggi che il perimetro aziendale si è vaporizzato, si sta affermando la tendenza architetturale definita SASESecure Access Service Edge che fa si che le reti si adattino a nuovi pattern di traffico in modo dinamico con la sicurezza venga istanziata nei punti più vicini agli utenti: "Una tendenza architetturale che Cisco sta assecondando e su cui investirà molto", dice Mercadante. E poiché la sicurezza non è solo un tema tecnologico ma riguarda anche la carenza di esperti di sicurezza, Cisco ha lanciato Secure X, una piattaforma inclusa in tutti i suoi prodotti di sicurezza al fine di rendere più semplice il lavoro degli esperti e permettere una rapida diagnostica di problemi e attivare una strategia di remediation altrettanto rapida ed efficace.
E a un anno dall’inaugurazione del Cybersecurity Co-Innovation Center di Milano, ospitato al Museo della Scienza e della Tecnica, si attende il suo rilancio: “In un anno così complicato, sono comunque proseguite le attività digitali e virtuali con l’obiettivo di accelerare differenti filoni di innovazione, grazie all’attività di cooperazione tra i vari attori della filiera: clienti, istituzioni, startup, partner,…”
ciscosaseSi va verso un mondo ‘passwordless’ 
Sempre in ambito sicurezza, in casa Cisco per l’anno prossimo è attesa una novità rivoluzionaria e disruptive: l’eliminazione delle password che da baluardo per accedere alle risorse oggi si stanno rivelando uno dei principali problemi di sicurezza delle risorse. le password sono infatti molte, complesse e spesso si perdono: “Un’innovazione destinata a introdurre un nuovo livello di sicurezza, basata sul sistema di autenticazione Duo, dell’azienda acquisita di recente da Cisco, nota nell’ambito della Zero Trust Security, secondo cui in futuro l’autentificazione sarà continua e basata sulla biometria e non sulle password”, charisce Mercatante.
ciscopasswordless
Tutto diventa ‘As a service’
Tra le novitò lanciate a Cisco Live va segnalato inoltre Cisco Plus, un nuovo modo di offrire l’innovazione hardware e software scalabile a consumo. Due le principali declinazione, ad oggi: Hybrid cloud as a service’, un’offerta as a service di capacità data center a consumo disponibile oggi in sei paesi (non in Italia dove arriverà in un secondo momento); Network as a service – un annuncio a tendere, il cui rilascio è previsto per prossimi mesi/ anni: “All’interno di questa offerta però da subito sarà disponibile la semplificazione delle offerte per il SASE – SD Wan, cloud security, Duo, … una costellazione che verrà semplificata in un’offerta SASE as a service per i clienti”, conclude Mercadante.  
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori