Giornata mondiale del backup: il cloud sempre più sugli scudi

Il Data Protection Report di Veeam rileva che il 77% dei CXO dell'area Emea pianificano di sfruttare maggiormente le copie di sicurezza sulla nuvola entro i prossimi due anni

Sicurezza Cloud
L’ultimo giorno di marzo è ormai da anni il World Backup Day, la Giornata mondiale del backup. Nell’occasione, Veeam ricorda che l’edizione 2021 del suo Data Protection Report ha rilevato che la maggior parte delle aziende dell'area Emea prevede di utilizzare il cloud come metodo principale per la protezione dei dati entro il 2023.

Questa tendenza riflette il riconoscimento da parte dei CXO della necessità di modernizzare la data protection, migliorando l'affidabilità e l'efficienza dei backup e riducendo al contempo la complessità e i costi. Il 77% dei CXO ha dichiarato che la propria azienda utilizzerà il backup su cloud entro i prossimi due anni.

Non solo le aziende ritengono che il cloud sia il metodo primario per la protezione dei dati, ma prevedono anche di cambiare il modo in cui utilizzano i servizi di backup. Il 44% prevede di sfruttare il backup su cloud e gestito da un fornitore di Backup as a Service (BaaS), permettendo così di modernizzare la strategia per la data protection, di aumentare l'affidabilità e di migliorare la gestione dei costi.

Per i CXO la soluzione di backup primaria deve essere in grado di migliorare l'affidabilità, ridurre i rischi e garantire l'efficienza. Secondo il report, migliorare le percentuali di successo dei backup è la spinta principale per cambiare la soluzione di backup primaria. Altri driver sono un miglior ROI, una riduzione dei costi relativa ad
veeam dibenedetto alessio
Alesso Di Benedetto di Veeam
hardware e software, un miglioramento degli SLA del punto di recupero (RPO) o del tempo di recupero (RTO).

"Le aziende sono consapevoli che il percorso di digital transformation sia frenato dai sistemi legacy e dalle soluzioni di data protection obsolete: è questo il motivo principale per cui i CXO stanno pianificando di aumentare l'utilizzo del backup cloud-based e del Backup as a Service", sottolinea Alessio Di Benedetto, Senior Regional Presales Manager South Emea di Veeam Software. "Passare a soluzioni per la data protection su abbonamento permette alle aziende di pagare solo per i servizi utilizzati. Inoltre, questo passaggio assicura che i processi, come gli aggiornamenti del software, le patch e i test, siano automatizzati invece di seguire protocolli manuali".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

Calendario Tutto

Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori