L’evoluzione delle relazioni interpersonali nell’era del lavoro da remoto

Cosa ci sta insegnando la pandemia? La ricerca Boomi Connections Survey fotografa l'impatto interpersonale e tecnologico del lavoro a distanza

L'opinione
In passato mi è capitato spesso di scrivere di come la tecnologia rappresenti un abilitatore del cambiamento e, soprattutto, di come giochi un ruolo fondamentale per supportare gli obiettivi di business e di trasformazione. Stante anche il contesto attuale, che ha accentuato la necessità della trasformazione continua, la velocità di esecuzione e la rapidità di risposta a nuove esigenze di mercato, appare altrettanto evidente come il fattore differenziante rimanga sempre legato alle persone. Sono le persone che creano il successo organizzativo, ancor più in questo momento dove è inevitabile vivere e lavorare in modo diverso.

telelavoro 1

Sfide e difficoltà

Le sfide che ogni giorno affrontiamo, le difficoltà che incontriamo, ma anche i nostri punti di forza sono qualcosa di personale e unico. Oggi operiamo in uno scenario complesso, soggetto a continui cambiamenti, nel quale, volente o nolente, il tempo in cui siamo disconnessi – dalle persone (virtualmente), dai processi o dalla tecnologia – è sempre minore.

Negli ultimi mesi è inevitabile constatare come si siano modificati profondamente molti modelli di business. La rapida e inaspettata (o solo accelerata) transizione al lavoro da remoto ha imposto a molti dei nostri clienti di abilitare e gestire le persone che, a volte con qualche difficoltà, operavano davanti a uno schermo dal proprio salotto, cucina o ufficio allestito in casa.

Davanti a tali cambiamenti abbiamo voluto promuovere una ricerca che provasse a fotografare l'impatto interpersonale e tecnologico del lavoro a distanza, che oggi rappresenta una priorità nella trasformazione digitale delle aziende, oltre che un’urgenza per molte organizzazioni. Da qui nasce Boomi Connections Survey, un’indagine svolta con interviste a più di 1.000 dipendenti e 200 IT decision maker che stanno affrontando il cambiamento da un quotidiano basato in ufficio a un altro remoto, realizzata con la collaborazione Researchscape nel settembre 2020 su persone che dovevano aver lavorato dall’ufficio prima del lockdown legato al Covid-19, e lavorare da casa al momento della realizzazione dell’intervista.

telelavoro 2

Forte impatto

Un primo aspetto che l’indagine ha evidenziato, ma non è una sorpresa, è come i lavoratori stiano subendo fortemente l’impatto del lavoro a distanza. Quasi 6 dipendenti su 10 hanno dichiarato infatti di sentirsi più isolati e disconnessi dal proprio lavoro e dai propri team. In realtà, appare evidente come a tutti manchi lo stare in contatto: sia gli introversi (48%) che gli estroversi (55%), in particolare i “baby boomer”, rischiano di perdere il contatto con i propri coetanei.

Allo stesso tempo, però, quasi 9 lavoratori su 10 nutrono una certa preoccupazione nel tornare in ufficio.  Se da una parte il lavoro a distanza ci trasmette una forte sensazione di isolamento e sta influenzando la capacità di innovare e di essere creativi (con il 60% degli intervistati che lamenta una mancanza di condivisione di informazioni di persona con i colleghi), appare altrettanto evidente come l’utilizzo della tecnologia stia profondamente cambiando e possa agire positivamente guidando questa fase di trasformazione.

Più del 40% dei lavoratori, infatti, utilizza la tecnologia più frequentemente che in passato e segnala di aver scaricato e imparato a utilizzare nuove applicazioni per svolgere il proprio lavoro.

telelavoro 6

Segnali positivi

Un ulteriore segnale positivo riguarda la percezione dell’IT all’interno delle organizzazioni che in questa fase di pandemia è notevolmente migliorata, con quasi l’80% dei responsabili in azienda convinto che il team IT sia stato utile o estremamente utile. Un sentimento reciproco dato che quasi 8 su 10 leader IT afferma che il proprio team si sente più apprezzato in quest'era di lavoro a distanza.

Ritengo che questo clima di fiducia e aiuto reciproco possa rappresentare la chiave per abilitare all’interno dell’organizzazione nuove forme di connessione tra dipendenti, dati e processi a vantaggio dell’azienda stessa e del suo business.

Il lavoro da remoto, infatti, richiederà anche in futuro una nuova modalità di gestione, basata sulla fiducia e sui risultati, e un nuovo modo di lavorare, più autonomo, flessibile e che più si adatti alle circostanze e alle inclinazioni personali dei lavoratori.

In tutto questo contesto, la necessità per le aziende di creare, mantenere e massimizzare le connessioni tra persone, processi, dati e applicazioni e si rivelerà sempre più pressante perché la capacità di rimanere collegati, in primo luogo con il proprio team, influenzerà l’abilità di condividere nuove idee e innovare rapidamente.  

Boomi si trova in prima linea nel supportare le aziende anche durante questa nuova fase di evoluzione; per questo recentemente abbiamo introdotto Work Reimagined, un’iniziativa Open Platform per accelerare la Workforce Transformation, che consente di automatizzare e orchestrare nuovi processi, monitorare lo stato di salute dei dipendenti e promuovere un coinvolgimento più profondo tra la forza lavoro.


Fabio Invernizzi (ritratto nella foto di apertura) è Sales Director Emea South di Boomi 
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

Calendario Tutto

Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori