Open source contro le pandemie: nasce Linux Foundation Public Health

Linux Foundation Public Health cerca di mettere ordine nelle varie iniziative open source nate per contrastare la diffusione del coronavirus

Tecnologie
Il ruolo dell'open source nella lotta contro la pandemia da Covid-19 non è stato probabilmente evidenziato abbastanza. Moltissime software house grandi e piccole hanno dato il loro contributo nell'aiutare cittadini e medici a contrastare la pandemia. Il mondo open source in particolare ha risposto con una organizzazione "dal basso" che ha portato a sviluppi molto interessanti. Ma che va ora disciplinata meglio. Ecco perché nasce Linux Foundation Public Health.

Linux Foundation Public Health è una iniziativa della Linux Foundation. Ed è incentrata in generale sull'utilizzo delle tecnologie open source per aiutare la Sanità pubblica di tutto il mondo a combattere qualsiasi epidemia. A partire ovviamente da quella attuale. Un obiettivo ambizioso. Anche per questo l'iniziativa parte con a bordo, tra i membri fondatori, nomi di tutto rispetto. In particolare Cisco, IBM, Tencent, VMware.

Da qualche parte bisogna iniziare e Linux Foundation Public Health ha deciso di farlo dal campo delle app comunemente definite di contact tracing. Più tecnicamente, le "exposure notification application". Si parte nello specifico dalle app che utilizzano le API di Google ed Apple, ossia il sistema Google Apple Exposure Notification (GAEN). L'iniziativa comprende in partenza due progetti open source che si basano su questo sistema: il canadese Covid Shield e l'irlandese Covid Green.
coronavirus 4844620 960 720L'elenco poi si amplia di molto perché alla iniziativa Linux Foundation Public Health ha deciso di unirsi anche la TCN Coalition, un gruppo di tecnologi e sviluppatori che aveva già iniziato ad organizzare gli sforzi nello sviluppo open source di app per il tracciamento. La coalizione è indirettamente nota anche al pubblico italiano perché ne fa parte CovidApp, considerata l'unica vera alternativa a Immuni nella selezione delle app italiane per il contact tracing.

L'obiettivo di fondo della iniziativa Linux Foundation Public Health è mettere a disposizione delle realtà sanitarie pubbliche di tutto il mondo il codice e la base di conoscenze sviluppati nell'ambito dei vari progetti "open" che vi rientreranno. Il contact tracing è il primo passo, ancora essenziale in molte nazioni dove la pandemia sta esplodendo solo ora. E che possono adesso avere una visione completa dei vari progetti basati su GAEN.

Dopo l'attenzione alle "exposure notification application", l'iniziativa Linux Foundation Public Health affronterà altri aspetti collegati alle pandemie. In particolare quelli legati alle attività di test e di isolamento dei soggetti contagiati.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori