Il passaggio al multicloud secondo Gruppo Lutech

Per passare al multicloud in maniera efficace servono strategia e competenze. Ma soprattutto un percorso preciso da una stituazione di partenza a una ottimale.

Cloud
Tutti i segnali indicano che per le aziende il passaggio al cloud è diventato un passaggio al multicloud. Varie analisi di mercato sottolineano che le imprese non adotteranno un singolo cloud provider. Anzi, andranno verso una combinazione articolata di cloud privato, on-premise, cloud pubblico. Dovendo integrare in questa visione anche le piattaforme considerate legacy, se ne possiedono.

Passare dall'IT tradizionale a questo scenario multicloud non è sempre semplice. Alcune aziende hanno le competenze per farlo direttamente. Altre hanno bisogno di un partner già esperto in system integration per il multicloud. Partendo da questa premessa, il Gruppo Lutech ha definito un suo approccio strutturato al multicloud. Con due elementi fondamentali. L’aderenza delle esigenze e richieste delle line of business del cliente. La convinzione che un progetto multicloud non si concretizza una volta per tutte ma ha una sua ricorsività nel tempo.

La metodologia del Gruppo Lutech parte da una fase di advisory in cui individuare i requisiti di business e tecnologici più idonei alla specifica transizione verso il multicloud. Tenendo ben presenti gli elementi di governance, compliance, protezione delle informazioni. Si tratta, spiega Lutech, di una fase consulenziale in cui analizzano processi e servizi dell’IT preesistente. Verificando quanto i secondi supportino le esigenze dei primi per resilienza, disponibilità, sicurezza. Questo avviene anche grazie a una fase di assessment basata su tool di discovery e analytics.
lutech citterio jpegGianluigi Citterio, Technology Presales Director del Gruppo LutechDopo la fase consulenziale viene quella di ideazione e di costruzione vera e propria del progetto multicloud. In cui si cerca in particolare di tutelare gli investimenti già effettuati in applicativi e servizi. Seguono due fasi intrinsecamente ricorsive: la gestione operativa del nuovo ambiente e la sua progressiva ottimizzazione.

La ciclicità delle operations e dell'ottimizzazione secondo Gruppo Lutech è inevitabile - spiega Gianluigi Citterio, Technology Presales Director del system integrator - soprattutto perché le necessità di business e i carichi di lavoro "Devono necessariamente essere 'liquidi', con il pieno diritto di modificarsi dinamicamente. L’infrastruttura ed i servizi IT, dunque, devono essere monitorati puntualmente per individuare preventivamente eventuali criticità o non conformità rispetto al mutato scenario di business o tecnologico e per garantire gli adeguati livelli di resilienza".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori