VMware, avanti tutta sull’Intrinsic security con l’acquisizione di Octarine  

Le soluzioni di sicurezza dei workload si estendono a Kubernetes, aumentando le capacità di security negli ecosistemi IT e DevOps esistenti

Sicurezza Tecnologie Cloud
Durante Connect 2020, la conferenza annuale per utenti e partner di VMware dedicata alla sicurezza informatica, svoltasi quest’anno in forma virtuale data l'emergenza Covid-19, è stata tra l’altro resa nota da VMware l’intenzione di acquisire Octarine. L’idea è quella di utilizzarne la piattaforma di sicurezza per le applicazioni Kubernetes, che contribuisce a semplificare i DevSecOps e permette agli ambienti nativi del cloud di essere intrinsecamente sicuri, dallo sviluppo al runtime.  

L'integrazione dell'innovativa piattaforma di sicurezza Kubernetes di Octarine nel portafoglio di sicurezza di VMware, dettaglia una nota, rappresenta un'opportunità per mitigare ulteriormente i rischi in diversi modi, come per esempio tramite la piena visibilità degli ambienti cloud native, in modo che si possano meglio identificare e ridurre i rischi creati dalle vulnerabilità e dagli attacchi; oppure andando oltre l'analisi statica e garantendo la compliance: si possono creare e applicare policy basate sui contenuti per proteggere la privacy e l'integrità delle informazioni sensibili e regolamentate; oppure ancora integrandosi nel ciclo di vita dello sviluppo per analizzare e controllare i rischi delle applicazioni prima della loro messa in produzione.

Con la chiusura dell'acquisizione, prosegue la nota, la tecnologia Octarine sarà integrata in VMware Carbon Black Cloud, fornendo un nuovo supporto alle funzionalità di sicurezza per le applicazioni containerizzate in esecuzione su Kubernetes e abilitando le funzionalità di sicurezza come parte degli ecosistemi IT e DevOps esistenti. Questa innovazione ridurrà ulteriormente la necessità di sensori aggiuntivi nello stack. Le capacità di Octarine integreranno e sfrutteranno anche la piattaforma VMware Tanzu, compresi gli attuali investimenti in Service Mesh e Open Policy Agent.

La strategia di VMware è incentrata sul rendere intrinseca la sicurezza, dagli endpoint al cloud,  e sul controllo nativo di endpoint, carichi di lavoro, rete, punto di accesso utente e applicazione. Questa innovazione consente di realizzare una vera soluzione XDR che funziona all'istante con le soluzioni VMware esistenti, riducendo i sensori e gli apparati che pesano sulla sicurezza.

"L'acquisizione di Octarine ci consentirà di espandere ulteriormente la strategia di sicurezza intrinseca di VMware ai container e agli ambienti Kubernetes incorporando la tecnologia Octarine in VMware Carbon Black Cloud", ha dichiarato Patrick Morley, general manager e senior vice president, Security Business Unit di VMware. "Questo, combinato con le integrazioni native con Tanzu, vSphere, NSX e VMware Cloud Foundation, creerà quella che riteniamo essere una soluzione unica per la sicurezza intrinseca dei carichi di lavoro. E, con l'aggiunta delle nostre capacità AppDefense unite nella piattaforma, possiamo trasformare radicalmente il modo in cui i carichi di lavoro sono protetti".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori