Capgemini: nel mondo Insurance è l’ora degli ecosistemi aperti per fronteggiare i nuovi operatori BigTech

Un report in collaborazione con Efma mostra che i clienti sono sempre più simili ai Millennial, mettendo in questione le relazioni con agenti e broker

Trasformazione Digitale Tecnologie
La “mentalità da millennial” conquista anche i clienti del mondo Insurance. Lo rivela il World Insurance Report 2020 di Capgemini e Efma, secondo il quale i consumatori fanno sempre più affidamento su ricerche personali attraverso vari canali per reperire informazioni e acquistare prodotti assicurativi, rivolgendosi a operatori non tradizionali, come  le BigTech Google, Amazon, Facebook e Apple, e i product manufacturer, per ottenere offerte innovative e personalizzate con una migliore customer experience e, a causa della pandemia Covid-19, stanno utilizzando sempre di più i canali digitali. 

Secondo il report, per continuare a mantenere un ruolo rilevante, le compagnie assicurative tradizionali devono agire, rivalutando i propri portafogli e sfruttando le partnership per diventare “Inventive Insurer”. Ciò comporta modifiche ai prodotti esistenti al fine di soddisfare le esigenze e le preferenze dei clienti in rapida evoluzione. Cercare informazioni e acquistare direttamente prodotti assicurativi online non è più una questione di età, ma è diventata una prassi comune per chi ha accesso al web e ai social media.

Il report di Capgemini mostra che il numero di clienti appartenenti alla Gen X o a quelle precedenti, ovvero nati fino al 1980, che effettuano quotidianamente transazioni attraverso i canali online e i dispositivi mobili è raddoppiato, passando dal 30% nel 2018 al 64% nel 2020. Il lockdown messo in atto per rispondere alla pandemia di Covid-19 farà crescere ulteriormente questo trend, visto che i consumatori sono costretti a utilizzare i canali digitali per le transazioni quotidiane, indipendentemente dall'età o dal know-how tecnologico. 
capgemini insurance 1
Il World Insurance Report 2020 raggruppa i clienti assicurativi di oggi in base al loro comportamento dal punto di vista sociale e alle loro preferenze di acquisto. Per le decisioni d’acquisto, i clienti di oggi non si affidano esclusivamente a un unico canale ma, in varia misura, cercano informazioni online, anche attraverso recensioni, testimonianze di familiari e amici, oppure i consigli di broker e agenti, sentendosi autorizzati a prendere decisioni di acquisto indipendenti. I potenziali clienti ricercano la convenienza e le aziende non tradizionali, come le BigTech o i product manufacturer, offrono un'esperienza ineguagliabile, spingendo un numero sempre maggiore di consumatori ad affidarsi a loro. L'interesse per i servizi assicurativi proposti dalle BigTech sta accelerando rapidamente: mentre nel World Insurance Report 2016 solo il 17% degli intervistati ha dichiarato che avrebbe preso in considerazione l'acquisto di un prodotto assicurativo da un BigTech, il numero è più che raddoppiato nel 2020 (al 36%). 

Il report afferma che per rimanere competitivi gli assicuratori devono migliorare la relazione con i clienti, offrendo un engagement iper-personalizzato e basato sull'esperienza. In altre parole, gli assicuratori devono offrire i prodotti giusti, al momento giusto e attraverso i canali giusti. Inoltre, visto che le preferenze dei clienti si evolvono più rapidamente che mai, è altamente necessaria una valutazione continua attraverso la gestione dei dati in tempo reale, in modo che la customer experience si evolva di pari passo con le esigenze e i desideri dei consumatori. 
capgemini insurance 2Gli assicuratori devono evolversi rapidamente, passando da prodotti che abbracciano le esigenze di tutti i clienti alla fornitura di esperienze in linea con le preferenze specifiche e individuali di ciascun assicurato. Se da un lato le BigTech raccolgono dati in tempo reale attraverso assistenti vocali, dispositivi indossabili, device IoT e chatbot interattivi, solo il 38% degli assicuratori acquisisce dati da dispositivi IoT in tempo reale e il 33% da sistemi di supporto basati sull'elaborazione del natural language (ad esempio chatbot). Il report afferma che in questo nuovo panorama, solo gli “Inventive Insurer” riusciranno a sopravvivere, in qualità di operatori tradizionali che comprendono le esigenze e le preferenze dei clienti e che sfruttano i dati disponibili all’interno dell'ecosistema per offrire prodotti personalizzati e time-sensitive.

“L’attuale scenario competitivo in rapido cambiamento è stato inesorabilmente alterato dalla pandemia Covid-19. L'adozione digitale intergenerazionale e l'impatto senza precedenti della pandemia rappresentano i motivi che spingeranno le compagnie di assicurazione a trasformare i loro modelli operativi”, ha dichiarato Michele Inglese, Insurance Sector Director, Capgemini Business Unit Italy. "Il fine ultimo è diventare una compagnia assicurativa capace di fornire esperienze iper-personalizzate e in grado di competere direttamente con le BigTech. Ci deve essere un motivo per spingere i consumatori a scegliere di rimanere con la propria assicurazione e questo può essere l'iper-personalizzazione che abilita l'utilizzo effettivo del servizio assicurativo”.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

webinar

Sicurezza, privacy, edge e cloud: come gestirli al meglio per ripartire con successo. #DataSecurity, la diretta streaming

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori