Nutanix potenzia le funzioni di disaster recovery

Le piattaforme software di Nutanix acquistano nuove funzioni native per la protezione delle informazioni, anche in configurazioni multi-sito

Sicurezza
Sono sempre di più le imprese che considerano necessario implementare funzioni evolute di disaster recovery. Questo vale anche per gli ambienti virtualizzati ed iperconvergenti. Motivo per cui Nutanix ha aggiunto alle sue piattaforme alcune nuove componenti proprio in tal senso. Le componenti sono software e sono state integrate nelle piattaforme Nutanix HCI di iperconvergenza e nell'hypervisor AHV. L'obiettivo, spiega Nutanix, è semplificare l'implementazione di architetture di disaster recovery davvero affidabili. Anche grazie all'automazione software.

La novità principale riguarda la possibilità di definire architetture di disaster recovery multi-sito. Questo permette di "sostenere" anche eventi particolarmente catastrofici che mettano fuori uso due data center in una volta sola. O anche più data center. Nutanix indica che l'automazione software permette di gestire e orchestrare queste architetture anche quando diventano complesse.

Il supporto del DR multi-sito è importante in alcuni mercati di rilievo, come il Finance o la Sanità. Come spiega direttamente Nutanux, le prestazioni nella protezione dei dati in configurazioni multi-sito variano a seconda della configurazione stessa.
nutanix drLa seconda novità riguarda l'implementazione di sistemi di disaster recovery con una replica "near sync" dei dati. In questo modo si ha un RPO (Recovery Point Objective) di soli 20 secondi. Un netto miglioramento del minuto che sinora era necessario nella replica dei dati a distanza. Il valore si riferisce a una comunicazione tra siti con i dati compressi e de-duplicati.

Infine, l'hypervisor Nutanix AHV ha ora funzioni native di replicazione sincrona dei dati. Questo porta una maggiore protezione a workload particolarmente critici. Come possono essere i database o gli ambienti di virtual desktop. Con una replica sincrona i dati sono copiati istantaneamente tra i sistemi Nutanix di due siti diversi. La replica garantisce la consistenza dei dati tra siti diversi. A patto che il link che li collega abbia una latenza sufficientemente bassa.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

webinar

Sicurezza, privacy, edge e cloud: come gestirli al meglio per ripartire con successo. #DataSecurity, la diretta streaming

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori