Logo ImpresaCity.it

IBM e Vodafone Business: un accordo per il mutlicloud in Europa

Le due aziende uniscono i rispettivi prodotti e servizi per creare una nuova offerta multicloud destinata alle aziende europee

IBM e Vodafone Business hanno definito un nuovo accordo strategico e commerciale che le vedrà offrire congiuntamente alle aziende europee i servizi e le componenti tecnologiche per realizzare soluzioni multicloud. La collaborazione prevede la nascita di una struttura congiunta, anche se non di una vera e propria joint venture, e vede IBM nel duplice ruolo di fornitore di servizi cloud e di system integrator. Vodafone Business porta invece in dote la sua offerta di connettività e, soprattutto, una maggiore vicinanza con alcuni tipi di grandi clienti.

Che l'accordo tra IBM e Vodafone Business sia particolarmente importante lo testimoniano i commenti ufficiali, che vengono direttamente dal top di entrambe le aziende. Per Ginni Rometty - Chairman, Presidente e CEO di IBM - le due aziende "useranno la potenza del cloud ibrido per integrare in modo sicuro le applicazioni di business più importanti". Per Nick Read, CEO di Vodafone, la collaborazione "ci permette di focalizzarci sui nostri punti di forza nelle tecnologie fisse e mobili, sfruttando le competenze di IBM nel multicloud, nell'AI e nei servizi".

Anche le cifre in gioco sono di tutto rispetto. Una prima cospicua parte della collaborazione vede infatti IBM fornire alla divisione cloud e hosting di Vodafone Business la sua gamma di managed services, in un contratto che avrà la durata di otto anni e porta nelle casse di IBM circa 480 milioni di euro. Il mercato potenziale a cui poi guardano IBM e Vodafone Business insieme - comprendendo hardware, software, servizi e connettività per il cloud - supera agevolmente i quattrocento miliardi di dollari già nel 2019.

ibm vodafone multicloud 2Da sinistra: Michael Valocchi di IBM e Greg Hyttenrauch di Vodafone Business, i due co-leader della struttura congiunta dedicata al multicloud
La seconda parte della nuova partnership si configura invece come una classica joint venture. Vodafone Business e IBM sfrutteranno le rispettive offerte e competenze nel rivolgersi ai clienti. Per la prima si tratta in particolare di quanto sviluppato in ambito IoT, 5G ed edge computing, mentre per IBM della parte multicloud, delle competenze per i mercati verticali e dei servizi professionali.

Avranno certamente un ruolo chiave anche le tecnologie di Red Hat: sono proprio queste, ha già sottolineato IDC, che permetteranno a IBM e Vodafone Business di affrontare tutti i possibili aspetti tecnologici concretamente coinvolti in un progetto multicloud. Senza contare che questo insieme di elementi tecnologici sempre più comprenderà due fattori su cui Vodafone conta molto: il progressivo passaggio agli approcci software-defined anche per le reti geografiche e l'affermarsi del 5G come base per nuovi tipi di applicazioni.

La collaborazione tra IBM e Vodafone Business è anche organizzativa. Diversi dipendenti delle due società si uniranno in una struttura unica, che idealmente dovrebbe "agire come una startup" per adattarsi velocemente alle richieste del mercato. Questa nuova struttura sarà operativa entro metà 2019 e avrà due co-leader: Michael Valocchi lato IBM e Greg Hyttenrauch per Vodafone Business.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 17/01/2019

Speciali

speciali

I tanti volti del backup in cloud

speciali

Backup & Storage 2019